Praline di formaggio su petali di bresaola per aperitivo

praline di formaggio su petali di bresaola
Commenti: 0 - Stampa

Per un piatto semplice, veloce e delizioso ci sono le praline di formaggio

Capita anche a voi di avere un aperitivo a casa di amici, ma di aver avuto così tanti impegni che, arrivate alla fine della giornata, non avete ancora avuto modo di cucinare? A me succede spesso, ed è proprio in queste situazioni che servono ricette semplici, veloci e sfiziose, come le praline di formaggio su petali di bresaola!

State tranquilli, non è nulla di complesso. Sono gustosissime praline di ricotta, avvolte da un croccante strato di granella di pistacchi e pepe. Il tutto, adagiato su alcune fettine di bresaola, per dare ancora più gusto a questo finger food scenografico.

Questa è la mia versione con pistacchi, ma se non vi piacciono, potete utilizzare le mandorle o le nocciole, il risultato sarà sempre strepitoso!

Fidatemi di me, per un piatto unico basta avere fantasia ed ingredienti di qualità!

Alla scoperta dei pistacchi: i semi più gustosi che ci siano

Per dare croccantezza e colore alle nostre praline di formaggio, ho scelto di cospargerle con la granella di pistacchi.

Tutti conoscono questi semi gustosi e molto energetici, ma sapete che i pistacchi hanno tantissime proprietà nutrizionali importanti per il nostro organismo?

Innanzitutto, contengono un gran numero di antiossidanti, tra cui luteina e beta-carotene, indispensabili per proteggere l’organismo dall’azione dei radicali liberi.

In secondo luogo, sono ricchi di sali minerali come calcio, fosforo, potassio e ferro, oltre che di vitamine B ed E.

Nonostante siano molto calorici (100 gr. di prodotto contengono 600 calorie circa), aiutano a tenere sotto controllo il livello di colesterolo nel sangue ed a prevenire disturbi cardiovascolari.

Un suggerimento: quando preparerete le praline al formaggio, non buttate i gusci dei pistacchi. Perché, una volta frullati, saranno un ottimo concime organico!

palline ricotta bresaola ver cl

Grazie alla ricotta, le praline di formaggio sono delicate, sfiziose e ricche di sostanze nutritive. Vediamo insieme quali

Per dare morbidezza e leggerezza alle nostre praline di formaggio, ho scelto di usare la ricotta.

Un latticino particolare, dal sapore inconfondibile, che si sposa perfettamente con la sapidità della bresaola.Sapete che esistono vari tipi di ricotta? Quella vaccina, quella di pecora, di bufala e di capra… scopriamo insieme qualcosa su questo prodotto così gustoso.La ricotta è ottenuta dal siero della lavorazione del formaggio, da qui l’origine del suo nome: “ricotta”, significa propriamente cotta due volte.

Il siero viene riscaldato, finché le proteine del latte si coagulano formando dei fiocchi bianchi, che affiorano in superficie. Questa massa viene estratta con la schiumarola e raccolta in appositi cestelli forati, che consentono lo sgocciolamento, lasciando come risultato, un prodotto denso e compatto. Ricca di sali minerali come calcio e fosforo, indispensabili per rinforzare le ossa, la ricotta contiene anche vitamine A e B (antiossidanti naturali che combattono l’azione dei radicali liberi). In più, è scarsamente calorica, digeribile e nutriente.

La ricotta, quindi, è l’ingrediente ideale per uno stuzzichino leggero e sfizioso come le mie praline di formaggio!

Ed ecco la ricetta delle Praline di formaggio su petali di bresaola

Ingredienti per 4 persone – 2 praline di formaggio a testa

  • 300 gr. di ricotta delattosata
  • 4 cucchiai di granella di pistacchi, o di mandorle, o di nocciole
  • 16 fettine di bresaola sottilissime
  • 8 pirottini di carta
  • q.b pepe

Preparazione

Chi ha detto che un antipasto buono e gustoso debba anche essere difficile da preparare?

Le mie praline di formaggio sono una ricetta semplice e sfiziosa. Vediamo insieme come procedere.

Per prima cosa, versate la ricotta in una ciotola ed unitevi una presa abbondante di pepe nero appena macinato. Quindi, lavoratela con un cucchiaio (preferibilmente di legno), fino ad ottenere una crema liscia e senza grumi.

Quando sarete soddisfatti del risultato, coprite la ciotola con un piatto o della pellicola trasparente e riponete il composto in frigorifero per un’ora circa.

Trascorso il tempo prestabilito, versate la granella di pistacchi (o, se preferite, potete usare quella di nocciole o di mandorle) in un vassoio.

Estraete dal frigorifero la crema di ricotta e formate delle palline della grandezza di una noce. Passatele nella granella e sistematele, ben distanziate, su un foglio di carta da forno. Mettete due fettine sottilissime di bresaola all’interno di ogni pirottino di carta, ed adagiatevi sopra una pralina di formaggio.

5/5 (468 Recensioni)
CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Sandwich di anguria

Sandwich di anguria, uno snack tra il dolce...

Sandwich di anguria, una singolare commistione di sapori Il sandwich di anguria è uno stuzzichino davvero peculiare, che reinterpreta il concetto stesso di sandwich e propone un modo diverso di...

Carpaccio di eglefino e anguria

Carpaccio di eglefino, un piatto elegante

Carpaccio di eglefino, un secondo speciale Il carpaccio di eglefino è un secondo molto particolare. Presenta ovviamente alcune caratteristiche dei carpacci classici, ma allo stesso tempo porta...

Capesante con gamberi e zucchine

Capesante con gamberi e zucchine, una vera delizia

Capesante con gamberi e zucchine,  piatto raffinato dal sapore rustico Le capesante con gamberi e zucchine gratinate riuniscono eccellenti ingredienti di mare e di terra. Nello specifico, le...

Tortillas wrap con spinaci e tacchino

Tortillas wrap con spinaci e tacchino, un’ottima variante

Tortillas wrap, una variante leggera Le tortillas wrap con spinaci e tacchino sono una variante davvero particolare della celebre pietanza messicana. In primis, sono “wrap”, ovvero avvolte su se...

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato

Tortino con prosciutto e melone disidratato, dal sapore insolito Il tortino con prosciutto e melone disidratato prende ispirazione dal celebre prosciutto e melone, un antipasto di origine ispanica...

Frittelle con fiori di sambuco

Frittelle con fiori di sambuco, una variante aromatica

Frittelle con fiori di sambuco, buone e facili da preparare Le frittelle con fiori di sambuco rappresentano una deliziosa alternativa alle classiche frittelle. Per certi versi, almeno per quanto...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per celiaci intolleranti al lattosio da leggere attentamente. Dalla nota ministeriale: senza lattosio. E' stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml. Per tutti gli alimenti non contenenti ingredienti lattei l’indicazione “naturalmente privo di lattosio” deve risultare conforme alle condizioni previste dall’articolo 7 del regolamento (UE) 1169/2011. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


12-05-2017
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti