Agricoltura Idroponica, una concreta speranza per gli intolleranti al Nichel

Avete mai sentito parlare dell’agricoltura idroponica? Ebbene, si tratta di un metodo di coltivazione ideale per chi soffre di allergie o intolleranze al nichel.

Cominciamo col dire che per agricoltura idroponica s’intende la coltivazione delle piante fuori dalla terra. La quale viene per così dire sostituita da una soluzione che contiene acqua e varie sostanze nutritive.

I benefici per gli intolleranti a questo insidioso metallo derivano dal fatto che il nichel è presente nel terreno in notevoli quantità.

Un po’ perché la crosta terrestre è densa di metalli pesanti. E un po’ perché la terra assorbe il nichel presente nell’acqua piovana e viene attraversata da strumenti come tubi e irrigatori.

Da qui la contaminazione dei cibi che consideriamo naturali e puri. L’agricoltura idroponica dunque punta a eliminare questa pre condizione, determinando una abbassamento delle quantità di nichel presenti nelle piante.

In modo da poter consumare frutta, ortaggi o cereali maggiormente “ripuliti” dall’allergene in questione.

Hydroponic vegetable

Agricoltura Idroponica: le origini

Contrariamente a quanto possiamo immaginare, questa pratica ha origini molto antiche. Babilonesi, indios delle Americhe o popolazioni della cosiddetta Indocina realizzavano coltivazioni su superfici d’acqua.

Già Marco Polo testimoniava la presenza di giardini galleggianti in Cina, mentre gli aztechi erano soliti costruire delle aree coltivabili sopra delle zattere denominate “chinampas”.

Dovettero passare secoli perché anche il mondo occidentale riconoscesse l’efficacia di questa tecnica. E solo dagli anni Settanta in poi l’idroponica ha incontrato un minimo di diffusione e riconoscimento scientifico.

Agricoltura Idroponica: come funziona

I sistemi di coltivazione in quest’ambito sono essenzialmente due. Uno prevede che si immergano le radici della pianta in una soluzione contente sostanze nutritive.

L’altro prevede l’utilizzo di uno strato di materiale inerte, senza ovviamente ricorrere alla terra. Spesso le piante non si adattano a un contesto in cui è prevista la mancanza di ossigeno.

Quindi le condizioni in cui praticare l’idroponica devono essere ben studiate. In pratica l’acqua deve essere densa di ossigeno e cibo e il ricambio delle sostanze deve essere effettuato nei tempi previsti.

Dunque le quantità di acqua, ossigeno e di sali minerali vanno sempre tenute sotto controllo e bilanciate, in modo da ottenere una crescita regolare del vegetale. Vanno attentamente monitorate anche temperatura, luminosità, livello di anidride carbonica, umidità, areazione. Occorre inoltre mantenere il livello di Ph tra 5,5 e 6,5.

Agricoltura Idroponica: valori nutritivi

Va precisato che i prodotti derivanti da piante coltivate con queste tecniche non presentano differenze rispetto a quelli coltivati “normalmente”. Anzi, la differenza sta nel fatto che in questo caso i livelli di tossicità sono minori.

Questo accade anche perché con l’idroponica è possibile controllare in maniera totale la somministrazione di fertilizzanti. Inoltre le piante non vengono intaccate da possibili virus o batteri presenti nel terreno.

Dunque il controllo pressochè omnicomprensivo del processo di crescita e maturazione garantisce una qualità del prodotto superiore.

Per gli intolleranti al nichel si aprono prospettive davvero confortanti. Se col passare del tempo aumentasse la quota di coltivazioni realizzate in idroponica, si riuscirebbe ad abbassare in maniera esponenziale la contaminazione da metalli pesanti e sostanze nocive.

Con grandi benefici non solo per gli intolleranti ma per tutti i consumatori! Gli intolleranti al metallo pesante potrebbero davvero arricchire la propria dieta con cibi che avevano escluso dal proprio orizzonte. Quindi potrebbero seguire una dieta più varia e soddisfacente.

Tra i vantaggi, anche il fatto di ridurre gli sprechi d’acqua e di ottimizzare la produzione in virtù di un maggior controllo “genetico” sullo sviluppo delle piante. Insomma più gusto, più salute e impatti positivi anche sull’ambiente.

Ma il discorso va ancorato al presente. Perché esistono già delle imprese che producono e commercializzano cibi derivanti dalla coltivazione idroponica. Basta fare un rapido giro su internet per rendersi conto che il fenomeno sta prendendo piede.

Poi c’è chi si avventura nell’agricoltura idroponica casalinga, ma in questi casi occorrono gli strumenti e soprattutto le conoscenze tecnico-scientifiche giuste.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *