Indispensabile in cucina: il bollitore elettrico

Avete mai usato un bollitore? Se ancora non l’avete fatto, ecco cosa dovreste sapere

Il bollitore elettrico è un piccolo elettrodomestico che si presenta come un contenitore, solitamente a forma di caraffa, posizionato su una base che offre ad esso l’alimentazione energetica della quale ha bisogno per funzionare. In genere, è fatto di plastica e acciaio e, al suo interno, contiene una resistenza che ovviamente ha il compito di riscaldare l’acqua e portarla ad ebollizione. Pertanto, è uno strumento molto semplice, ma anche tanto utile.

Tante persone lo usano per preparare il tè e le loro tisane preferite, in quanto l’acqua si riscalda molto più velocemente rispetto al “metodo classico” del pentolino messo sul fornello. Data l’utilità di questo strumento, andiamo a parlarne nel dettaglio: i bollitori sono ottimi alleati in cucina e non solo per la preparazione delle bevande calde…

Ecco come utilizzare questo elettrodomestico: i consigli utili

Se si tratta della prima volta che usate questo strumento, dopo aver tolto l’imballaggio, non dimenticate di lavare l’interno della brocca, senza utilizzare il detersivo e prestando attenzione a non bagnare l’attacco dove andrà collegato il cavo per alimentarlo. In seguito, utilizzatelo prima per una prova, riempiendolo d’acqua fino al limite. Al momento dell’ebollizione, potrete buttare l’acqua e iniziare ad utilizzarlo per le vostre preparazioni.

Come abbiamo detto, il bollitore è molto semplice da usare e, soprattutto, è molto veloce: si accende tramite un pulsante e si spegne autonomamente non appena l’acqua è arrivata a ebollizione. Per questi motivi, si rivela utile ed efficiente per preparare il tè, la camomilla o altre bevande calde a base di acqua. Tuttavia, coloro che non hanno tempo, lo utilizzano persino per velocizzare i tempi di cottura della pasta.

In pratica, grazie a questo strumento, versano l’acqua in pentola quando sta già bollendo e, così, risparmiano minuti preziosi in ogni momento in cui per loro è necessario. Questo piccolo elettrodomestico si dimostra valido anche per quando abbiamo bisogno di avere dell’acqua calda costantemente a disposizione durante la preparazione di qualche pietanza particolare e di tutti gli alimenti in polvere (come il latte, il brodo, l’orzo, la cioccolata in tazza, etc.).

Infine, non dimenticate che bollire l’acqua può essere una buona soluzione anche per effettuare delle accurate pulizie di fondo. Ad ogni modo, è fondamentale ricordare che chiunque utilizza quotidianamente questo strumento, dovrebbe lavare la caraffa almeno ogni due mesi. Sarà sufficiente utilizzare l’aceto bianco (un potente anticalcare naturale) e avviare nuovamente un procedimento “a perdere”. In seguito, si potrà iniziare ad usare l’elettrodomestico proprio come si faceva in precedenza.

I suggerimenti per scegliere un bollitore elettrico di qualità

Al giorno d’oggi, i bollitori elettrici disponibili sul mercato sono molti, ma ce ne sono alcuni di migliore qualità che, nel contempo, presentano dei design eleganti e adatti a ogni tipo di cucina. Andando più nello specifico, sappiate che è consigliabile prediligere i modelli dotati di spegnimento automatico, di protezione contro il surriscaldamento, di filtro anticalcare e di fondo interno in acciaio inox: elementi che garantiscono elevati livelli di sicurezza e ottime performance.

Un bollitore efficiente e moderno può anche essere caratterizzato dalla presenza di un tasto per l’apertura del coperchio, di un indicatore esterno che consente di monitorare il livello dell’acqua e di un coperchio con chiusura di sicurezza. Tutto questo vi permetterà di bollire l’acqua con tranquillità e velocità, e di avere a che fare con uno strumento molto utile per tante preparazioni… e non solo!

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *