Un adattogeno molto speciale: l’Astragalo

L’Astragalo, il cui nome scientifico è Astragalus Membranaceus, è stato utilizzato nella Medicina Tradizionale Cinese fin dall’antichità. Si tratta infatti di un vegetale capace di rafforzare il corpo e di aiutarlo a proteggersi dalle malattie e dai danni provocati dallo stress fisico, mentale o emotivo. Proprio per questo, viene definito un potente adattogeno e le ricerche rivelano persino che si tratta di una pianta capace di proteggere l’organismo dal cancro e dal diabete.

Tutte queste caratteristiche principali sono dovute principalmente all’elevato contenuto di antiossidanti, ovvero quelle speciali sostanze che proteggono le cellule dai danni dei radicali liberi. In generale, l’Astragalus è utilizzato per le sue proprietà antibatteriche, antivirali e antinfiammatorie, ma anche per proteggere e sostenere il sistema immunitario (persino quando è indebolito da chemioterapia o dall’uso di radiazioni).

Astragalo: recenti ricerche confermano molte altre proprietà e importanti benefici

Mentre molti studi portati a termine negli Stati Uniti si sono focalizzati principalmente sulla capacità di rafforzare l’organismo in caso di trattamenti invasivi e gravi malattie, i ricercatori cinesi si sono concentrati invece su tutti gli effetti provocati dagli elevati livelli di antiossidanti presenti in questa pianta. Grazie a numerosi ricerche, hanno riscontrato che questo vegetale può aiutare in maniera notevole le persone affette da gravi forme di malattie cardiache.

Infatti, l’Astragalo è capace di alleviare i loro sintomi, abbassare i livelli di colesterolo nel sangue e migliorare il funzionamento generale del cuore. Oltre a questo, è utile sapere che questa pianta ha proprietà diuretiche, antitumorali (può aiutare a rallentare il decorso dei tumori, ma anche a prevenirli) e antimicrobiche.

La maggior parte dei benefici comportati dal consumo di Astragalus sono dovuti all’azione di tre componenti: le saponine, i flavonoidi e i polisaccaridi, che sono tutti composti attivi contenuti in alcune piante e in diversi tipi di frutta e verdura. Ognuna di queste sostanze ha delle particolari funzionalità: dalla riduzione del colesterolo al rinvigorimento del corpo, dall’elevata protezione fino ad arrivare alla prevenzione di molte malattie.

Con l’Astragalo, la salute diventa un’abitudine

Come avrete notato, questo vegetale è davvero un toccasana per il nostro organismo e, se assimilato in dosi basse o moderate, ha pochissimi effetti collaterali. Tuttavia, è utile sapere che può interagire con una serie di altre erbe e farmaci. Pertanto, prima di integrarlo nel proprio stile di vita è opportuno analizzare gli altri trattamenti in corso e, se necessario, consultare il medico.

Ad ogni modo, è utile sapere che l’Astragalo è disponibile essiccato o in polvere (da utilizzare per tè, tisane e per la preparazione di alcune particolari ricette), oppure sotto forma di tintura (estratto liquido e alcolico), compresse e capsule. In alcuni casi, è possibile trovarlo in alcune pomate.

Non esiste uno specifico dosaggio da seguire, ma è possibile comunque discutere con uno specialista sia le quantità che la frequenza, che possono variare a seconda dell’età e dell’attuale stato di salute. Tuttavia, l’uso dell’Astragalus è sconsigliato alle donne in gravidanza e che allattano e, d’altra parte, dovrebbero prestare molta attenzione anche le persone con malattie autoimmuni, sclerosi multipla, artrite reumatoide e altre patologie del sistema immunitario.

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *