Il punto vincente di Djokovic un libro da leggere

Nuova alimentazione, nuova vita – tratta dal libro Il punto vincente di Novak  Djokovic

Iniziai a leggere questo libro un po’ per curiosità, un po’ perché un amico me l’aveva consigliato e un po’ perché in quanto appassionata di sport volevo sapere come un’alimentazione differente dalla mia aveva potuto cambiare la vita e di conseguenza le prestazioni di un atleta di fama  mondiale.

Prima di elencarvi i passaggi importanti del libro, vorrei veramente invitarvi a leggere questo libro in quanto non assume un carattere presuntuoso, ma si presenta come   un consiglio ad aprire la mente verso ciò di cui noi ci nutriamo e non solo, ci consiglia ti aprire gli occhi, la bocca, le orecchie di fronte al cibo. Attivare tutti i nostri sensi di fronte a quello che è in sostanza il carburante per il nostro corpo a cui  spesso non diamo la dovuta  importanza!

Sincerità e umiltà sono le linee guida del  libro: Il punto vincente di Djokovic

Il più grande dono che il tennis ha riservato a Novak è stata l’opportunità di viaggiare, nonché di conoscere altre culture. Questa frase spiega quanto sia importante essere curiosi e vogliosi di conoscere tutto ciò che ci circonda, perché ci stimola a venire a conoscenza di argomenti a noi sconosciuti, come in questo caso l’alimentazione.

L’ignoranza su questo argomento permette ai produttori di cibo e alle aziende farmaceutiche di manipolarci e condurci attraverso le loro spietate pubblicità (che se fate caso in televisione siamo pieni di pubblicità su farmaci e cibo) a comportarci come vogliono  loro.

“ I cereali sono economici da coltivare, e in molti casi sono finanziati dai governi, quindi è interesse dell’industria alimentare diffondere l’idea che il grano, in particolare, faccia bene alla salute. Ma più cereali significa più malattie – obesità, diabete, problemi cardiaci – e quindi più medicine, che assumiamo insieme ai   nostri «sani» alimenti integrali. I produttori di cibo si arricchiscono insieme alle case farmaceutiche, e noi ci ammaliamo sempre  più.”

Questo passaggio sottolinea come il nostro corpo potrebbe sovraccaricarsi di glutine senza saperlo, dato che non diamo importanza a ciò che consumiamo dovremmo appunto informaci per il bene del nostro corpo, imparando anche a conoscerlo ed ascoltarlo.

Il libro ci suggerisce poi che possono esserci diversi metodi per diagnosticare intolleranze o allergie alimentari: anamnesi medica-eliminazione, prick test cutaneo, esame del sangue ELISA, somministrazione  orale.

Un altro fattore importante dell’alimentazione è il livello di zuccheri presenti nel sangue. Novak nel libro spiega che glutine e zucchero fanno una squadra micidiale,   il problema appunto che dall’altra parte della rete noi giochiamo da soli. Lo zucchero usato nell’alimentazione di Novak è naturale, il fruttosio, presente nella frutta e nel miele.

I cambiamenti apportati dal tennista alla sua alimentazione hanno fatto notare agli amici che anche a livello di umore ed energia Novak è migliorato.

Questa premessa può collegarsi ad un altro metodo introdotto dal tennista per   prendere consapevolezza di ciò che ha affrontato, la mindfulness. Appunto consapevolezza, una forma di meditazione che accoglie i pensieri come si presentano alla mente: in maniera obbiettiva, senza giudicarli, consapevoli dell’istante in cui si manifestano.

Così Novak dice di percepire ciò che succede al suo corpo e senza giudicare i  pensieri trova più lucidità. Quando si trova consapevolezza sul presente, ci si   accorge che rimuginare sui pensieri prosciuga energie al nostro corpo, è molto   meglio esserne consapevoli e lasciarli scorrere via per essere pronti a vivere sempre ogni presente al massimo delle  energie.

Non voglio dilungarmi oltre, ma vi confermo che il libro è pieno di consigli, metodi, nozioni interessanti e alla portata di tutti. Aprite la vostra mente per conoscerli e non limitatevi ad essere superficiali, il nostro corpo e la nostra mente sono quanto di più importante per vivere sereni.

Non mi resta che augurarvi buona lettura!

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *