Crema pasticcera, una ricetta classica con molte varianti

La storia della crema pasticcera

Crema pasticcera, una ricetta classica con molte varianti. Inconfondibile con il suo colore giallo chiaro,  è una preparazione che, da tempo immemore, compare sulle nostre tavole. Cosa sappiamo della sua storia? La prima cosa da dire al proposito è che su questo tema si rincorrono opinioni discordanti.

C’è chi dice che l’origine sia avvolta totalmente dal mistero e chi, invece, che sia frutto della creatività del francese François Massialot. Di chi si tratta? Di un illustre cuoco francese, nato nel 1660 e deceduto nel 1733. Cuoco di personaggi illustri dell’epoca, come per esempio Filippo I Duca d’Orléans, fu autore di uno dei più importanti dizionari di cucina.

Le pagine delle sue opere sono caratterizzate dalla presenza di ricette oggi preparate in tantissime occasioni. Di cosa si tratta? Della pasta da zucchero e, ovviamente, anche della crema pasticcera.

Nel tempo, la crema pasticcera si è diffusa in tutta Europa. Interessanti sono le numerose varianti, tra le quali possiamo ricordare la crema chibouste, L’unione tra crema pasticcera e crema chantilly, invece, dà vita alla crema madame.

Pavlova con crema pasticcera all’arancia

Crema pasticcera per intolleranti: esiste?

Con la diffusione delle intolleranze, è diventato sempre più importante dare spazio ad alternative utili a gustare al meglio alimenti e preparazioni. di ogni tipo. Nel caso degli intolleranti al lattosio, il punto di riferimento principale è il latte di origine vegetali.

Le alternative, che si differenziano per ingredienti e proprietà nutritive, vanno dal latte di riso a quello di mandorla.

Cosa ne pensate della torta di pinoli , un vero trionfo di sapori? Anche i celiaci possono assaggiare la crema pasticcera! Una ricetta ottima al proposito è quella che prevede l’utilizzo della farina di castagne, assolutamente priva di glutine.

Ah, ovviamente esistono anche versioni per gli intolleranti e gli allergici al nichel! Si possono anche fare degli ottimi bignè senza glutine e senza lattosio. Cosa dire poi di quel grande classico che è la torta mimosa, un fantastico omaggio alle donne?

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Nota per l’intolleranza al nichel

Nota per l’intolleranza al nichel

Sia che sei intollerante al nichel alimentare, allergico al nichel da contatto (DAC) o che ti è stata diagnosticata La SNAS non esiste una cura definitiva e non esiste un modo per eliminare questo metallo dalla vita di una persona. Per alleviare i sintomi è necessario seguire una dieta a rotazione a basso contenuto di Nichel e osservare tutte le regole relative a cosmetici, detersivi, pentole e stoviglie, abbigliamento idoneo etc.

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *