Chifeletti dolci al profumo di arancia: la straordinaria variante di un antipasto della tradizione triestina

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo Totale
    1 Ora
chifeletti dolci al profumo di arancia

Chifeletti dolci al profumo di arancia, un’opzione originale per i celiaci!

Chifeletti dolci al profumo di arancia: un antipasto insolito, perfetto per i celiaci

Oggi vi porto nella meravigliosa Trieste, una città bella senza essere eccessiva. Culla di tradizioni culturali speciali, è anche un punto di riferimento unico per chi ama la cucina e non si stanca mai di scoprire nuovi sapori. Vi porto a Trieste con la ricetta dei chifeletti al profumo di arancia.

Quando si parla di chifeletti nel capoluogo friulano subito arrivano alla mente le immagini meravigliose delle tavole familiari, dove queste piccole mezze lune che sono delle frittelle di patate venivano servite come antipasto. Siete pronti a scoprirne la storia? 

Alla scoperta della storia dei chifeletti dolci, un caposaldo della cucina triestina

Il termine chifeletto deriva dalla parola tedesca kifel – o kipfel – che in italiano è traducibile come ‘cornetto’. Davvero non ci sarebbe resa linguistica migliore dal momento che queste frittelle hanno appunto la forma di un cornetto. Apprezzate come contorno per arrosti e bistecche, hanno una storia che, secondo le versioni più accreditate, ha avuto inizio nel XVII secolo.

A quei tempi la città di Trieste era vittima dell’assedio dei Turchi. I chifeletti nacquero appunto come forma di disprezzo alla loro celebre mezza luna! Una succulenta forma di scherno, non c’è che dire!

Di sicuro c’è che la loro ricetta, come vedrete poi, è molto simile a quella degli gnocchi. Generalmente vengono irrorati con il sugo ma io oggi vi propongo una variante, ripresa di frequente anche dalle cuoche triestine e della zona del Carso, presentandoveli come dolci. Si tratta di una delizia adatta anche a chi soffre di celiachia. Come vedete la preparazione prevede l’utilizzo di farine senza glutine, vere e proprie alleate in cucina quando si tratta di preparare qualcosa di buono per chi soffre di malassorbimento del glutine.

chifeletti dolci 678x1024 Chifeletti dolci al profumo di arancia: la straordinaria variante di un antipasto della tradizione triestina

Chifeletti dolci al profumo di arancia: i benefici della farina di riso

La farina di riso è una delle più celebri farine gluten free. Quali sono le sue proprietà? Tra le più importanti possiamo ricordare il basso contenuto di grassi, che la rende adatta a chi sta seguendo una dieta ipocalorica.

Detto questo è bene ricordare che la ricetta dei chifeletti dolci al profumo di arancia contiene un’altra farina gluten free. Si tratta di quella a base di tapioca, ottimo addensante e utilizzata non a caso dalle popolazioni dei Paesi tropicali per la preparazione del pane.

Ingredienti per 4 persone

  • 400 gr patate
  • 2 tuorli uovo
  • 80 gr zucchero
  • 5 gr sale fino
  • 20 gr fecola patate
  • 100 gr farina riso
  • 30 gr farina tapioca
  • 1 zeste arancia non trattata
  • 20 gr burro chiarificato
  • 400 ml olio semi di girasole
  • 30 gr zucchero velo

Procedimento

  1. Fate lessare le patate con la buccia in abbondante acqua calda per circa 15/20 minuti.
  2. Schiacciatele ancora calde con uno schiaccia patate e trasferitele in una bacinella capiente e fatele intiepidire.
  3. Aggiungete i tuorli, il burro fuso, il sale  lo zucchero. Iniziate ad amalgamare il composto con l’aiuto di una forchetta.
  4. Unite la farina di riso, la fecola di patate, la farina di tapioca e lo zest di un arancia. Amalgamate con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo.
  5. Dividete l’impasto in 5 parti ed arrotolandolo sul piano di lavoro, ottenete dei cilindri da un centimetro di diametro. Tagliate i cilindri ottenendo delle strisce lunghe 10 cm. Piegateli a ferro di cavallo.
  6. Fate friggere i chifeletti nell’olio caldo fino a farli dorare. Ci vorranno un paio di minuti per lato.
  7. Scolateli su carta assorbente e cospargeteli con dello zucchero a velo.
  8. Servite i chifeletti ancora caldi.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *