Per il menù degli intolleranti, Riso Gallo Gran Riserva

Riso Gallo Gran Riserva per il menù

Quale primo per un menù ”senza”? Theo Penati, lo chef stellato non ha molto da pensarci. I suoi risotti sono in linea per chi segue una dieta senza glutine, e per incontrare chi è intollerante al lattosio, basterà usare il burro chiarificato per la tostatura e mantecare con Parmigiano Reggiano ben stagionato.

Sì, il riso, è il cereale principe per chi è intollerante al glutine, l’alimento gluten free più consumato al mondo. I suoi chicchi contengono un elevato contenuto di amido (oltre il 75%) e una bassa quota di proteine (6-7%), lipidi (3% in quello integrale, ancora meno in quello bianco), sali minerali e vitamine. Ha un’elevata digeribilità e, fra tutti i cereali, è l’alimento più completo. Il riso ha anche un bassissimo, quasi nullo, contenuto di nichel.

Quante ricette e preparazioni ha ispirato questo cereale originario delle regioni asiatiche e introdotto in Europa dagli arabi nel Medioevo! Tante specie per piatti gustosi: in Italia al registro nazionale dei risi sono iscritti per lo più centoventi tipologie, ma nel nostro paese ne sono coltivate per 80% solo una dozzina.

Cena di gala-168

Le varietà a disposizione per l’acquisto sono raggruppate in quattro categorie, a seconda delle dimensioni dei chicchi e delle modalità di cottura:

  • comune o originario (con chicchi piccoli e tondi, cuoce in 12-13 minuti ed è adatto per minestre in brodo,minestroni e dolci, perché durante la cottura tende a rilasciare l’amido);
  • semifino (con chicchi tondeggianti di media lunghezza o semi-lunghi, cuoce in 13-15 minuti ed è adatto per antipasti, supplì e timballi);
  • fino (con chicchi lunghi, affusolati e semi affusolati; cuoce in 14-16 minuti ed è adatto specialmente per risotti e contorni);
  • superfino (con chicchi grossi, lunghi e molto lunghi, cuoce in 16-18 minuti ed è ideale per risotti e contorni).

“Cavolo..che risotto!”

Per “Cavolo..che risotto!” con cavolfiore, Parmigiano Reggiano 48 mesi e cioccolato Valhrona, è stato scelto Riso Gallo Gran Riserva, un riso di “Qualità Extra”, definito dagli esperti un miracolo della natura, che nasce solo da chicchi selezionati, seminati a densità ridotta, in un terreno argilloso, un riso particolarmente privo di imperfezioni, dai chicchi grandi e corposi in grado di garantire la preparazione di risotti da gourmet.

È prodotto in qualità limitata e sottoposto ad una stretta selezione che dal grezzo ne salva solo il 20%. Nell’anno di maturazione nei silos, avviene il suo affinamento che produce la miglior tenuta di cottura e l’aumento di volume che uniti al suo sapore unico, ne fa un ingrediente dalle prestazioni straordinarie, soprattutto nella creatività dei piatti degli chef.

Condividi!

Un commento a “Per il menù degli intolleranti, Riso Gallo Gran Riserva

  1. Pingback: Cena di Galà: una serata speciale tra amici, soci, collaboratori e partner del mondo delle intolleranze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *