Rocher di gorgonzola con marmellata di mirtilli rossi

  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo Totale
    2 Ore
rocher di gorgonzola con marmellata di mirtilli rossi e pandoro

Rocher di gorgonzola con marmellata di mirtilli rossi e pandoro: il protagonista è un formaggio eccezionale!

Cercate un piatto diverso dal solito? Ecco il Rocher di gorgonzola con confettura mirtilli rossi e pandoro.

Avete mai sentito parlare del Rocher di gorgonzola con confettura mirtilli rossi e pandoro? Se avete risposto di no, significa che ancora non avete assaggiato questa delizia: si tratta di una pietanza che conquista anche i palati più esigenti! Adatta per le occasioni speciali e non solo, questa ricetta è molto semplice da preparare e permette di fare ogni volta una bella figura con gli ospiti.

Gli ingredienti principali sono il pandoro, il gorgonzola e la confettura di mirtilli rossi. A primo impatto non sembra un buon abbinamento, ma in realtà basta un boccone per accorgersi che è un piatto capace di stupire sia per il gusto che per quanto riguarda il valore nutrizionale. A questo proposito, andiamo a scoprire qualcosa di più su questo rocher di gorgonzola… prelibato e chic!

Rocher di gorgonzola con confettura mirtilli rossi: il formaggio che fa la differenza

Ovviamente, stiamo parlando del gorgonzola, che si presenta come un ingrediente principale per questa ricetta. È un formaggio che ha conquistato molte persone per le sue particolarità e per le sue proprietà organolettiche inconfondibili, ma non è solo buono: ci offre una serie di benefici per la salute e si rivela adatto anche per coloro che soffrono di intolleranza al lattosio e al glutine . Al tempo delle sue origini, lo usavano per regolarizzare le funzioni intestinali e ottimizzare i processi digestivi, pensando che aiutasse anche a vivere a lungo.

Ad oggi, è stato affermato che il protagonista della ricetta del rocher di gorgonzola con marmellata di mirtilli rossi e pandoro è davvero un alleato della flora batterica intestinale e gran parte del merito va proprio alla sua verde muffa. Naturalmente, è capace di offrire persino un elevato apporto di proteine, vitamine e minerali. In particolare, dovreste sapere che questo formaggio si rivela una ricca fonte di vitamina A, B2, B5 e B12, ma anche di fosforo, calcio, selenio e magnesio.

Pertanto, è un alimento capace di farci sentire sazi e di favorire principalmente il benessere della muscolatura, delle ossa e del sistema nervoso. Infine, è opportuno considerare che propone una notevole quantità di grassi e calorie, ma in percentuale decisamente minore rispetto a molti altri formaggi.

Gli altri ingredienti del Rocher di gorgonzola con confettura mirtilli rossi e pandoro

Sfizioso e godurioso, questo rocher ci offre inoltre tutto il gusto dolce e inconfondibile del pandoro, del cioccolato bianco, della granella di nocciole e della marmellata di mirtilli rossi. Perciò, si presenta come una pietanza sostanziosa e ricca di sapori, coinvolgente e perfetta per imbandire la tavola nel modo giusto.

In poche parole, il Rocher di gorgonzola con confettura mirtilli rossi e pandoro vi offrirà tanta squisitezza e un buon carico di energia. Il suggerimento è di provarlo al più presto: avrete a che fare con un mix di sapori molto originale e decisamente indimenticabile!

Ingredienti per 4 persone

  • 250 gr gorgonzola
  • 1 barretta cioccolato bianco Stella Bernrain
  • 100 gr granella nocciole
  • 1 bicchiere spumante
  • qualche cucchiaio confettura mirtilli rossi
  • 4 fette Pandoro (vedi ricetta senza glutine e lattosio)
  • 1 rametto timo

Procedimento

  1. In una terrina, stemperate il gorgonzola e il timo, lavorando il tutto con un cucchiaio. Con le mani, create delle sfere e passatele delicatamente nella granella di nocciola, facendo attenzione a coprire bene tutta la sfera. Infilzate le sfere con degli stecchi da cucina e metteteli a raffreddare in frigorifero per un’ora. Per facilitare il lavoro, infilzatele in una spugna per fiori secchi ricoperta di stagnola.
  2. Fate sciogliere il cioccolato bianco in una ciotola a bagnomaria e glassate una per volta le sfere. Infilzate nuovamente nel vostro panetto di spugna e rimettete in frigorifero, assicurandovi che siano ben distanziate fra di loro e che non entrino in contatto l’una con le altre. Lasciate riposare per circa 30 minuti.
  3. Tagliate il pandoro in orizzontale e adagiate le fette su di una teglia ricoperta di carta forno. Spennellatelo con dello spumante e infornatelo a 200 gradi per qualche minuto.  Servite con la confettura su di una fetta di pandoro.

IL GORGONZOLA È BUONO…ANCHE PER CHI E’ INTOLLERANTE A GLUTINE E LATTOSIO

La presenza o meno del lattosio negli alimenti è diventata un’informazione di grande interesse per i consumatori. Per questo il Consorzio per la Tutela del formaggio Gorgonzola Dop ha commissionato ad un ente terzo, il Centro di Ricerca CREA di Lodi (ex – Istituto sperimentale lattiero caseario), una ricerca che ha confermato un risultato ampiamente atteso: il contenuto di lattosio nel Gorgonzola è ben al di sotto del limite ministeriale per definire un formaggio “naturalmente privo di lattosio”: <0.1 g/100g.

Perché questo sia possibile è molto semplice! – Nel Gorgonzola il lattosio, lo zucchero caratteristico del latte, viene consumato dai batteri lattici nel corso della fermentazione ed è quindi virtualmente assente. Un’ottima notizia per chi soffre di questa intolleranza che, in Italia oscilla intorno al 50 % della popolazione, in particolar modo al Sud, e rappresenta una percentuale maggiore che nel resto d’Europa.

Anche l’intolleranza al glutine, piuttosto sottostimata, è in crescita esponenziale nel nostro Paese. In base ai dati del Ministero della Salute, in Italia i celiaci diagnosticati sono circa 600.000, quasi l’1% della popolazione, con un 10% di nuove diagnosi ogni anno. La celiachia viene scoperta spesso in età adulta, con una frequenza di circa tre volte superiore nelle donne rispetto agli uomini. Per questo il Consorzio Gorgonzola, attraverso una verifica tra i propri produttori associati, ha constatato che il penicillum utilizzato nella produzione di formaggio Gorgonzola Dop e caratterizzante il processo delle muffe nel formaggio, è gluten free in quanto la farina di frumento usata come substrato di crescita delle muffe è stata sostituita con l’amido di riso, cereale naturalmente privo di glutine. In questo modo anche gli intolleranti al glutine possono consumare il Gorgonzola DOP in assoluta tranquillità.

Consorzio per la tutela del Formaggio Gorgonzola DOP – www.gorgonzola.com

Condividi!

Un commento a “Rocher di gorgonzola con marmellata di mirtilli rossi

  1. Pingback: Originale, delizioso: rocher di gorgonzola con marmellata di mirtilli rossi e pandoro – Pasticci in Cucina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *