Estratti di frutta : perché ne sentiamo parlare tanto

Di estratti di frutta si sente parlare sempre più spesso. Per quale motivo? Prima di tutto perché si tratta di soluzioni molto salutari. In secondo luogo per il fatto che sono stati ideati in seguito all’osservazione di alcuni problemi nelle centrifughe. Il principale riguarda il fatto che, compiendo molti giri e riscaldando la frutta e la verdura, le centrifughe provocano un lieve impoverimento delle stesse dal punto di vista delle proprietà nutrizionali.

Con gli estratti di frutta questi problemi si superano. Compiendo meno giri rispetto alla centrifuga, l’estrattore consente infatti di estrarre il succo anche dalla frutta e dalla verdura caratterizzate dalla maggior quantità di fibre, senza depauperarle delle loro proprietà nutritive.

Estratto di carota, finocchio e mangoMarcoMayer

Come trovare l’estrattore perfetto?

Per estratti di frutta di qualità, ci vuole il giusto estrattore. Come trovarlo? Iniziamo a ricordare che la ricerca, oggi, è molto più facile rispetto a qualche anno fa. La diffusione degli estrattori, infatti, ha portato un generale abbassamento dei prezzi, rendendo disponibili a costo minore delle proposte fino a qualche tempo fa inaccessibili.

Proseguiamo ricordando che per scegliere il migliore estrattore di succo è necessario conoscer la macchina e i suoi componenti. Partiamo dal motore, che ricopre un ruolo essenziale. Esso può essere a induzione AC o a spazzole DC.

Gli estrattori di succo di maggior qualità hanno un motore della prima tipologia, che raggiunge tra i 40 e gli 80 giri al minuto. Un’altra parte degli estrattori che merita di essere approfondita è la coclea.

Fino a qualche anno fa, quando la moda degli estratti di frutta non era ancora esplosa, la maggior parte degli estrattori montava una coclea singola orizzontale. Oggi troviamo coclee di questo tipo solo sugli estrattori più sofisticati.

Le macchine di ultima generazione, invece, sono caratterizzate dalla presenza di coclee verticali. Il vantaggio è notevole, in quanto diminuisce l’ingombro ed è molto più facile muoversi in cucina e preparare estratti di frutta da capogiro!

Come ottimizzare i benefici degli estratti di frutta

Per ottimizzare i benefici degli estratti di frutta bisogna seguire alcuni semplici consigli. In primo luogo è bene essere consapevoli che gli estratti sono ricchi di fibre ma non devono portare all’eliminazione di frutta e verdura cruda dalla dieta.

In seconda istanza è fondamentale ricordare che gli estratti non andrebbero conservati a lungo. La cosa migliore è anzi berli appena fatti. Se proprio non si ha modo di farlo, bisognerebbe trasferire il succo in una bottiglia cercando di riempirla fino all’orlo. Per quale motivo è importante fare attenzione a questo aspetto? Per il semplice fatto che c’è minor spazio per l’ossigeno e si abbatte il rischio ossidazione.

In ogni caso, anche così, gli estratti di frutta andrebbero consumati entro la giornata.

estratto di papaya e albicoccaMarcoMayer

I migliori estratti di frutta

Quando si parla di estratti di frutta, si possono chiamare in causa numerosi mix super gustosi e sani. Uno dei più efficaci è senza dubbio l’estratto di papaya e albicocca. Energizzante e adattissimo agli intolleranti al lattosio, questo estratto è un’eccellente alternativa per lo spuntino di metà pomeriggio!

Ah, gli estratti di frutta possono fare parte anche di piatti più complessi. Non ci credete? Ecco  voi la ricetta del mosaico di frutta e verdura su estratto di anguria e menta, una vera chicca sana, leggera e in grado di stupire gli ospiti!

Mosaico di frutta e verduraMarcoMayer

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *