Test genetico per l’intolleranza al lattosio: ecco tutte le informazioni utili  

Test genetico per intolleranza al lattosio: in cosa consiste?

Nelle scorse settimane vi ho parlato del Breath test o altresì chiamato Test del respiro che è il test finora più utilizzato per diagnosticare l’intolleranza al lattosio e che tante persone evitano perchè ritengono essere molto fastidioso.

Ebbene ora viene effettuato anche  Il test genetico per rilevare questa intolleranza e consiste in un esame del DNA, eseguito prelevando un piccolo campione di saliva dal soggetto da analizzare.

Tramite questo esame e mediante l’analisi di alcuni polimorfismi genetici, sarà possibile determinare se il paziente è soggetto ad un’intolleranza alimentare nei confronti di questa sostanza oppure no.

A questo proposito, è utile sapere che il lattosio viene scisso dall’organismo in glucosio e galattosio, proprio nel momento in cui raggiunge l’apparato intestinale.

Questa operazione viene effettuata da un enzima chiamato lattasi. L’esame genetico è in grado di verificare se un paziente è predisposto o meno alla riduzione dell’attività o della produzione di questo enzima.

Il test è in grado di rilevare anche se il soggetto è predisposto ad un disturbo altrettanto diffuso: la celiachia.

Perché si dovrebbe effettuare un Test genetico per l’intolleranza al lattosio?

Questo test genetico è in grado di individuare se una persona è soggetta o meno all’intolleranza al lattosio oppure al glutine, anche quando non sono presenti i sintomi tipici di questi due disturbi.

Pertanto, grazie ad esso, è possibile determinare la causa di cronici malesseri che si presentano dopo l’assunzione di latticini, ma anche prevenire il manifestarsi di forme di intolleranza e di fastidiose malattie croniche di tipo metabolico.

Grazie al test genetico per intolleranza al lattosio, i professionisti possono infatti effettuare una diagnosi precisa proprio perché, dagli ultimi studi, è stato evinto che le intolleranze di tipo alimentare sono di origine genetica.

Di conseguenza, un’accurata diagnosi consentirà al medico di prescrivere al paziente un regime alimentare calibrato in base ai bisogni specifici del suo organismo, così da ridurre e progressivamente eliminare i sintomi.

La nutrigenetica alla base di queste analisi ha inoltre lo scopo di studiare come ogni variante genetica possa essere associata ad una reazione metabolica.

Questo permette a sua volta di individuare non solo un’eventuale intolleranza alimentare, ma anche disfunzioni enzimatiche ed eventuali predisposizioni a sviluppare patologie comuni.

Tra queste troviamo il diabete, l’obesità, l’ipercolesterolemia, alcuni tipi di cancro, e disturbi all’apparato respiratorio e cardiovascolare.

Test genetico per intolleranza al lattosio: analisi del DNA o Breath Test?

Solitamente, quando si tratta di diagnosticare l’intolleranza al lattosio, viene utilizzato il Breath Test, un esame che prevede l’assunzione di una piccola dose di questa sostanza da parte del paziente e la conseguente analisi dei gas espirati dallo stesso.

Questo test richiede molto tempo e la sua diagnosi non è certa in quanto può essere influenzata da fattori esterni, come uno stile di vita scorretto e l’assunzione di medicinali.

Il test genetico per intolleranza al lattosio è invece basato sull’analisi del DNA del paziente.

Pertanto, porta risultati più accurati e molto più veloci. In più, oltre a stabilire se il paziente è intollerante o meno ad alcuni alimenti, è anche in grado di determinare quali sono le cause del disturbo (se si tratta di intolleranza ereditaria o secondaria) e permette quindi di provvedere alla creazione una dieta basata specificatamente sulle risposte metaboliche del paziente.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *