Alla scoperta del Nergi: un frutto straordinario

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    10 persone
crostata nergi e lamponi

Crostata gluten-free con Nergi e lamponi… che bontà!

Conoscete il Nergi? Se la risposta è negativa, rimediate subito! Non ve ne pentirete. Certo, posso giustificarvi, perché il Nergi è un frutto relativamente nuovo per il mercato italiano. Però almeno per quanto mi riguarda è imperdibile.

Si tratta sostanzialmente di un mini kiwi senza buccia. Questi deliziosi baby kiwi sono originari dell’Asia, dove sono consumati da secoli, ma stanno destando così tanto interesse dalle nostre parti che da alcuni anni la coltivazione ha preso piede in Italia, in particolare in Piemonte, ma anche in altre nazioni europee come Francia, Portogallo e Paesi Bassi.

Il Nergi, oltre a essere squisito e pratico da consumare, è quello che si può definire un “superfood” per le notevoli proprietà benefiche: è ricco di vitamina C così come di magnesio e fibre.

Alla scoperta del Nergi: la duttilità

Una qualità del frutto in questione, come già accennato, risiede nel fatto che si tratta di un prodotto estremamente duttile.

Il Nergi può diventare protagonista di piatti freddi, salati, spiedini o insalate. La sua forma piccola e pratica lo rende estremamente adatto molteplici contesti culinari, così come il suo gusto che incarna un ottimo mix tra dolce e salato.

Con un frutto del genere potreste per esempio preparare dei fantastici risotti, spiegando ai vostri eventuali ospiti le particolarità di questo nuovo protagonista della nostra dieta. Io per cominciare a valorizzare il Nergi ho studiato una ricetta che prevede una crostata con crema pasticcera senza glutine.

Come blog stiamo partecipando con grande piacere all’iniziativa #IlNERGIDELLADOMENICA che prevede la pubblicazione delle ricette su diverse testate online e a #NERGIFOOD che prevede una campagna social: un modo per diffondere la consapevolezza di poter fare una scelta nuova, gustosa e salutare, sperimentando tutti i vantaggi di questa autentica squisitezza.

il-nergi-della-domenicar

La crostata che qui vi propongo è soltanto l’inizio di un percorso. Il consiglio è di procurarvi una buona scatola di Nergi e inizialmente assaggiarli così come sono, per assaporarne l’essenza. Seguiranno una serie di sperimentazioni a tavola che, vi assicuro, faranno la felicità vostra e di chi condivide il pasto con voi!

Insalata tiepida di farro con Nergi e mirtilli: un primo piatto sano e raffinato

Tarte Tatin di Nergi e cipolla rossa profumata al timo: adatto a ogni occasione

Tutta la freschezza e la bontà della cheesecake salata con Nergi

 

Ingredienti per 10 persone

Per la pasta frolla

  • 50 g farina di kaniwa
  • 50 g di amido di mais
  • 100 g farina di riso
  • 40 g sukrin
  • 60 g di uova
  • 20 g tuorlo d'uovo
  • 70 g olio di semi di vinacciolo

Per la crema pasticcera

  • 50 g di latte di riso Granarolo
  • 25 g di tuorlo
  • 2 g amido di mais
  • 15 g zucchero
  • mezza bacca di vaniglia
  • q.b. kiwi Nergi e lamponi per decorazione

Procedimento

Per la pasta frolla

  1. Setacciate le farine e mescolate in una terrina, unite gli l’amido di riso, il sukrin e le uova.
  2. Aggiungete continuando a mescolare, l’olio a filo finché l'impasto non risulterà liscio e compatto. A questo punto riponetelo in frigorifero a riposare per almeno 2 ore.

Per la crema Pasticcera

  1. Aiutandovi con una frusta mescolate in un pentolino il tuorlo, lo zucchero, l’amido e la vaniglia; aggiungete il latte e fate cuocere fino a rendere la massa cremosa.
  2. Svuotate in una bacinella, coprite con una pellicola trasparente a contatto e lasciate raffreddare.

Preparazione della crostata

  1. Prendete la frolla, stendetela all’altezza di 1/2 cm e foderate una tortiera; bucate con una forchetta e fate cuocere in forno già caldo ad una temperatura di 185° per 18 minuti.
  2. Una volta fredda, toglietela dalla teglia, ponetela sopra un piatto e riempite il fondo con la crema pasticcera. Adagiate le fettine di kiwi e i lamponi a formare dei cerchi come più vi piace.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *