Pasta B, un gustoso angolo di Singapore a Milano

Tempo di preparazione:

Pasta B, ovvero un gustoso angolo di Singapore a Milano. L’evento che si è svolto martedì 26 luglio è stata una rivelazione: mi ha consentito di apprezzare le qualità di questo locale che offre una cucina singaporiana fusion, a due passi dal Duomo.

L’occasione è più unica che rara, nel senso che al Pasta B è possibile tuffarsi nelle particolari specialità singaporiane fusion, derivanti dalle origini cinesi della famiglia di ristoratori Han, ma anche derivanti dai sapori giapponesi, indonesiani e coreani che hanno influenzato la cucina di Singapore. Noodles e ravioli fatti in casa costituiscono il pezzo forte del menu, insieme alle zuppe.

Va sottolineato che la famiglia Han ha alle spalle 25 anni di esperienza nella ristorazione a Milano, avendo aperto un locale specializzato nella produzione di ravioli nell’ormai lontano 1989: un locale caratterizzato dalle lunghe code che si formavano all’esterno della struttura, con file di milanesi desiderosi di gustare quelle prelibatezze.

Ora sugli scudi c’è la seconda generazione, che in occasione dell’evento di martedì ci ha fatto conoscere i segreti di alcune ricette che al momento è possibile degustare solo a Singapore o in Giappone. Un viaggio nella cultura culinaria di quella terra così lontana e nel contempo così splendida.

Pasta B, un gustoso angolo di Singapore a Milano: i piatti

Abbiamo assaggiato 2 involtini vietnamiti freddi con pasta di riso, gamberi, carote, menta, insalata, cetrioli. Quindi si è proceduto a una degustazione di 5 ravioli al vapore: Syumai (gamberi), verdure, Syorompo (carne di maiale e brodo) , Singapore (granchio, gamberi, carne) pollo e verdure. Poi è stata la volta di degustazione di 6 ravioli alla piastra: Singapore (granchio, gamberi, carne), pollo e verdure, verdure. Per proseguire con Noodle al nero di seppie con seppie, polipo e cipollotto, quindi Noodle in stile Thai con gamberi, menta, verdure, pomodorini, arachidi, uovo e tofu fritto (piccante), per finire con Noodle Hokkien con frutti di mare e lime fresco. 


I ravioli: alla piastra, al vapore e bolliti, interamente fatti a mano arricchiti da diversi e gustosi ripieni come maiale e gambero (della tradizione di Singapore), pollo, manzo o solo verdure. Il più famoso dei ravioli Jing Hua è il “little juicy steamed meat dumpling”, un bocconcino ripieno di carne trita di maiale e una zuppa ricca di sapore, tutto racchiuso in una pasta sottile ma resistente.

I noodles: ovvero gli “spaghetti” tipici della tradizione orientale, realizzati homemade, saltati o in brodo, con verdure, pollo o maiale. Potete accompagnarli dal caratteristico katsuobushi ,pesce affumicato ed es- siccato a scaglie, dal mentaiko (uova di pesce Pollack marinate con erbe e spezie) o dallo shiso (erba medicinale chiamata anche basilico cinese).

Le zuppe: accattivante e molto “umami” il gusto della zuppa di miso, ben più deciso invece quello della zuppa piccante, mentre più delicata la zuppa vegetariana con uova strapazzate.

Ogni mese inoltre viene proposto  un menù con delle specialità tipiche di Singapore. Nel menù sono inoltre indicati i piatti vegetariani e gli spicy, per evitare sorprese. I dolci sono fatti tutti in casa e viene offerta un’ accurata selezione di tè asiatici, con cui si può accompagnare il pasto.

Il team è composto da professionisti della ristorazione giapponese e cinese con la collaborazione di uno staff italiano. Sono aperti tutti i giorni a pranzo e cena, dalle 11:30 alle 22:00. Riposo il lunedì a cena.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *