Dieta senza glutine: 8 cose da sapere prima di iniziarla

Devo iniziare una dieta senza glutine: da dove devo iniziare? Quali alimenti devo evitare? Posso farla anche se voglio dimagrire?

Con questo articolo voglio rispondere a tutti i dubbi che affliggono intolleranti, allergici e chi vuole approcciare ad una dieta senza glutine.

Ecco 8 consigli pratici che tutti dovrebbero avere prima di iniziare una dieta senza glutine.

1. Per chi è la dieta senza glutine?

La dieta senza glutine è il regime alimentare che ogni persona che soffre di celiachia o intolleranza al glutine dovrebbe seguire.

In pratica, tutti coloro che sono intolleranti al glutine e che non riescono a digerire questa sostanza, dovrebbero eliminarla dalla propria alimentazione.

2. Dieta gluten-free per dimagrire? No!

Alla dieta gluten-free viene sempre più spesso attaccata l’etichetta di “dieta per perdere peso”. 

Da presidente dell’associazione “Il Mondo Delle Intolleranze”, in effetti, questa domanda me la sento porre sempre più spesso:

“Voglio dimagrire con la dieta senza glutine: come posso fare?

La risposta è netta: la dieta senza glutine dev’essere esclusivamente osservata da chi è celiaco o intollerante alla proteina.

dieta senza glutine

3. Va bene la pasta gluten free. Ma occhio alle calorie

Non mi stancherò mai di ripeterlo: leggete sempre l’etichetta e l’apporto calorico dei prodotti.

Quando nelle confezioni trovate la dicitura “pasta gluten-free”, non equivale a dire “pasta dietetica”: anzi, questi prodotti, a volte, hanno un apporto calorico maggiore della pasta di grano duro tradizionale.

Come ad esempio la pasta gluten-free realizzata con farina di mais: quest’ultima ha un indice glicemico più alto di quella tradizionale ed è quindi da magiare in quantità moderate.

spaghetti gluten free

4. Dieta senza glutine: cosa puoi mangiare

I cereali privi di glutine e che troverai facilmente al supermercato sono:

  • mais
  • riso
  • sorgo
  • avena
  • miglio
  • grano saraceno
  • amaranto
  • quinoa

Inoltre potete mangiare serenamente frutta, legumi, frutta secca, oli e verdure.

Se ti interessa sapere di più sui prodotti senza glutine, leggi questo articolo in cui ho raccolto tutte le farine (e i cereali) senza glutine che puoi mangiare.

gallette gluten free

5. Attenzione ai prodotti industriali e trasformati

Snack gluten-free, pizze surgelate e pane a lunga conservazione sono prodotti sempre più diffusi perché risolvono un problema che ogni intollerante o celiaco ha: il difficile accesso al cibo senza glutine.

Il mio consiglio? Non abusatene. Non sempre l’etichetta gluten-free significa simbolo di qualità e genuinità.

Un’alternativa valida? Preferite sempre cibi freschi, ma allo stesso tempo facilmente “portabili” come:

  • frutta fresca
  • yogurt
  • frutta secca

6. Occhio alla dichiarazione di “contaminazione” in etichetta

Quante volte vi sarà capitato, leggendo gli ingredienti di un prodotto, di osservare la dicitura:

Questo prodotto può contenere tracce di frutta a guscio, glutine…

Si chiama dichiarazione del rischio di contaminazione crociata e se sei celiaco è di vitale importanza controllarne la presenza nell’etichetta e tra le informazioni nutrizionali.

Un classico esempio è quello del pesce surgelato. Molti potrebbero pensare, giustamente, che il filetto di platessa o di nasello, in quanto naturalmente privo di glutine, può essere inserito nella loro dieta gluten free.

Purtroppo, soprattutto nel caso di prodotti trasformati, c’è il rischio che i macchinari usati per la produzione del pesce surgelato, vengano altrettanto impiegati per la trasformazione di altri prodotti contenenti glutine.

In tal caso, le aziende, sono obbligate alla dichiarazione di contaminazione. Quindi, ancora una volta, torna la regola fondamentale: leggere sempre l’etichetta!

leggere le etichette

7. Voglia di dolce? Farli in casa è meglio

Una delle cose più dure da accettare, quando devi cominciare una dieta senza glutine, è dover rinunciare a tanti dolci gustosi.

Di conseguenza molti se ne privano totalmente, a mio avviso sbagliando. Il motivo? Perché potresti prepararti in casa tantissime ricette gustose, facili e rapide con cui coccolarti ogni tanto.

Inoltre, fare i dolci in casa, non solo può essere divertente, ma anche più sano perché:

  • sai la qualità degli ingredienti che usi
  • puoi moderare gli zuccheri e i grassi a tuo piacimento

biscotti cioccolato

8. Più legumi, meno riso

Purtroppo, se ami il riso, devo darti una brutta notizia: avendo un indice glicemico leggermente inferiore alla pasta di grano duro, non possiamo catalogare il riso come un alimento dietetico.

Quindi va bene usarlo come sostituto della pasta, poiché privo di glutine, ma mi raccomando: fatelo con moderazione.

Invece, con i legumi, potete scatenare la vostra fantasia in cucina: sono una fonte importante di proteine e carboidrati, hanno pochi grassi, sono ricchi in fibre e, ovviamente, sono gluten-free.

legumi

Conclusione: vivere con il sorriso la dieta senza glutine? Si può!

Gonfiori, dolori, fastidi… so benissimo come ci si sente ad avere un’intolleranza al glutine. E posso solo immaginare quanto possa essere disagevole vivere da celiaco.

Eppure, nonostante questo, la dieta senza glutine può essere vissuta con positività e sorriso.

Oggi, rispetto a 20 anni fa, il mercato agroalimentare consente di reperire facilmente molti alimenti privi di glutine.

In più, se riusciamo a ricavarci del tempo (nonostante le nostre frenetiche vite), possiamo preparare in casa una quantità incredibile di ricette gustose, salutari, semplici da realizzare, che prenderanno per la gola anche chi il glutine se lo può mangiare!

Continua la navigazione di Nonnapaperina e scopri tutte le ricette senza glutine che abbiamo raccolto: sono sicura che riuscirai a trovare il piatto che fa per te!

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *