Una giornata da Agrimontana con Fabrizio Donatone

Il fascino del ciclo produttivo artigianale di Agrimontana

Ci sono esperienze straordinarie che permettono di toccare con mano l’unicità della produzione artigianale italiana. Questo significa, nella maggior parte dei casi, scoprire il dietro le quinte di aziende come Agrimontana, una delle eccellenze italiane che ci vengono invidiate a livello internazionale.

Nella giornata di mercoledì 15 giugno ho avuto l’onore di scoprire i segreti del ciclo produttivo di questo gruppo, che opera nella meravigliosa provincia di Cuneo, la terra dei marroni e delle nocciole.

Agrimontana, qualità al top da quasi quarant’anni

Parlare di Agrimontana significa chiamare in causa un’eccellenza italiana che, da quasi quarant’anni, si rivolge a un cluster di consumatori molto selezionato. Si tratta di persone molto attente alla qualità, che non hanno nessuna intenzione di metterla in secondo piano neppure quando acquistano una confettura per la colazione o una confezione di marroni da portare come regalo a degli amici.

Sono anzi questi momenti quelli durante i quali è possibile dare spazio a quei risultati speciali che sono frutto dell’impegno quotidiano di professionisti che, lavorando da decenni nella filiera alimentare, rendono un brand e i suoi prodotti degli straordinari esempi di bontà e cura nella selezione delle materie prime.

Fabrizio Donatone: un nome che ha portato l’Italia sul tetto del mondo

Un’azienda che rappresenta l’eccellenza italiana per quanto riguarda la produzione dolciaria e la selezione delle materie prime non poteva che ospitare il corso di un nome che ha portato l’Italia sul tetto del mondo, dando lustro con il suo talento alla tradizione pasticcera del nostro Paese.

Di chi sto parlando? Di Fabrizio Donatone. Campione del mondo di pasticceria con il team Massari, Fabrizio Donatone è notissimo anche all’estero per via sia della sua disponibilità, sia della chiarezza del suo pensiero in merito ai punti forti della tradizione gastronomica e pasticcera italiana che, a suo avviso, si distingue su scala mondiale per via dei migliori prodotti e per la ricchezza della sua storia.

Toccare con mano il processo produttivo di un’azienda così è un’esperienza a dir poco unica, che dovrebbe essere fatta da chiunque ami la ricchezza della tradizione dolciaria italiana, un vero tesoro che ci distingue a livello mondiale e ci rende competitivi dal punto di vista di una qualità capace di raggiungere vette speciali!

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *