Burj al Khalifa: il grattacielo dove il lusso non è un optional

La superbia del Burj al Khalifa, un grattacielo che non ha rivali

Il Burj al Khalifa è uno degli edifici simbolo della magnifica città di Dubai, che racchiude tanto lusso ed eleganza. La sua scalata verso l’alto è iniziata nel 2004, l’anno in cui sono cominciati i lavori di costruzione, e nel 2010 è stato aperto ed è diventato il grattacielo più alto del mondo: 828 metri di struttura architettonica permettono di guardare la città con occhi letteralmente diversi.

Tre volte la Torre Eiffel e quasi due volte l’Empire State Building, questo straordinario edificio cattura l’attenzione dei turisti e fa gola anche ai più ricchi imprenditori. Al suo interno sono presenti una piscina, diversi ascensori fuori dal comune, tantissimi uffici e un ristorante. Ma andiamo a conoscere nel dettaglio questa imponente struttura.

Burj al Khalifa: le peculiarità di questa magnifico edificio

Per costruire questo grattacielo ci sono voluti anni, ma possiamo dire che ne è valsa la pena. È affascinante da osservare e interessante da visitare, e il lusso e l’eleganza sono le sue principali caratteristiche che, insieme alla sua altezza, lo rendono un edificio da record sotto ogni punto di vista.

All’inizio, si chiamava “Burj Dubai”, ma con il tempo il suo nome è stato modificato in Burj Khalifa, che significa “Torre Khalifa”, ma che potrebbe voler dire anche “Torre dell’emiro Khalifa” o anche “Torre del Califfo”. L’imponente struttura è di proprietà di Emaar Properties e la gestione dei lavori di realizzazione è stata affidata alla Turner Construction Company.

La struttura architettonica è ispirata al fiore Hymenocallis e per questo presenta tre altissimi cilindri con un nucleo al loro interno e sale seguendo la forma di una spirale. Complessa ma affascinante, la costruzione della torre è costata ben 1,5 miliardi di dollari, ma la spesa sale fino a 20 miliardi di dollari se consideriamo anche tutto ciò che circonda il grattacielo.

Tuttavia, possiamo dire che ciò che è stato speso è tornato presto nelle casse di Emaar Properties, in quanto ogni ufficio presente nella fantastica struttura costa ben 43mila dollari/mq, mentre gli appartamenti di lusso (gli Armani Residences) sono stati venduti per una cifra che si aggira intorno ai 37mila dollari/mq. Pertanto, è inutile dire che si tratta di una struttura di classe sia all’esterno che all’interno.

Infatti, al 37° piano troviamo l’Hotel Armani e dal 45º al 108º piano sono presenti ben 700 appartamenti da capogiro. La piscina si trova invece al 76º piano del grattacielo Burj al Khalifa e sugli altri livelli possiamo trovare tantissimi uffici, un centro di osservazione, un negozio, una signorile terrazza e uno speciale cannocchiale collegato ad uno schermo LCD, che consente di guardare la bellezza della suggestiva Dubai in maniera molto diversa dal solito.

Tutti i numeri del Burj al Khalifa

Come avrete capito, questa struttura particolare è molto più che un grattacielo da guardare dal basso o che consente di ammirare Dubai dai piani alti. Infatti, oltre a detenere il record dell’edificio più alto del mondo, questa torre vanta di altri primati: è la più alta struttura autoportante presente nel mondo ed è il grattacielo con più piani, ovvero ben 140. Di conseguenza, offre anche il più alto punto di osservazione del pianeta.

Ovviamente, questo vuol dire che anche gli ascensori del Burj al Khalifa sono da record: fanno davvero dei chilometri, percorrono una distanza mai percorsa da un ascensore e sono i più veloci del mondo (viaggiano a circa 10 metri al secondo!).

Insomma, questa struttura è talmente alta che la sua punta è visibile fino a 95 chilometri di distanza e il lusso e l’eleganza dei suoi piani non è quantificabile. Record e bellezza non sono un optional a Dubai e questo grattacielo né è certamente una prova “vivente”!

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *