L’importanza della colazione per chi pratica sport e attività fisica

L’importanza della colazione. Una buona e sana prima colazione è fondamentale per tutti, ancor più se si pratica sport per passione o per professione. L’atleta, dilettante, semplice amatore o professionista che sia, ha il dovere di prestare grande attenzione alla propria alimentazione e soprattutto all’impostazione di una colazione corretta, nutriente ed equilibrata.

Esistono numerose tipologie di colazioni ideali per gli sportivi: in base alla disciplina praticata e al fatto di dover affrontare una gara oppure un allenamento intenso o leggero. Alcuni principi però sono universali, che si tratti di disputare la finale di coppa del mondo oppure di intraprendere una sgambata attorno all’isolato.

Per esempio è importante prepare una colazione che non appesantisca l’organismo, il quale deve trovare proprio nel primo pasto giornaliero quanto è  necessario per affrontare lo sforzo, senza però quell’eccesso di “benzina” che può risultare difficile da smaltire.

Un vecchio detto, per molti versi ancora valido, sostiene che nessuna gara si può vincere grazie a una buona colazione, viceversa è possibile perdere una gara per una cattiva colazione. Questo perché molto spesso la colazione è l’unico pasto consumato prima dell’attività sportiva, in particolare per quelle discipline praticate fin dal mattino come podismo e ciclismo.

L’importanza della colazione per chi pratica sport e attività fisica

Ma se guardiamo oltre il recinto dell’agonismo, scopriamo che lo sport mattutino riguarda 18 milioni di italiani che praticano sport o attività fisiche prima di recarsi al lavoro, chi tutti i giorni chi saltuariamente. In sostanza si tratta di un italiano su tre. E l’errore più grave da commettere in questi casi è quello di sottovalutare, posticipare o addirittura saltare la colazione.

Gli esperti sostengono che praticare attività fisica senza il supporto energetico della colazione espone a diversi rischi, tra cui quello di farsi male: con il calo della glicemia succede che il glicogeno muscolare non sia ricaricato a dovere, con il possibile risultato appunto di danneggiare i muscoli.

Ecco un paio di opzioni. La prima prevede una tazza di caffè e latte, due uova preparate con padella antiaderente e un frutto. La seconda una tazza di latte Accadi, due tramezzini preparati con farine consentite e farciti con pancetta e un succo d’arancia.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *