I sintomi dell’intolleranza e/o allergia al nichel

Brandani pinocchio  adulte ChiaraZoppei

Sei allergico o intollerante al nichel? Forse se hai qualcuno di questi sintomi  potresti pensare di avere  un’ intolleranza e/o allergia al nichel:

  • eruzioni cutanee
  • prurito e pizzicori
  • rossori o cambiamenti di colore della pelle
  • zone della pelle disidratate che assomigliano a una scottatura
  • vesciche (in casi molto gravi)
  • dermatite allergica

Che si scatenano, in genere dopo 12-48 ore, dal contatto diretto con il nichel, un metallo che, sfortunatamente, grazie alla sua malleabilità e duttilità, è presente in moltissimi oggetti di uso quotidiano: chiavi, soldi, bottoni, penne, graffette, attrezzature da cucina, utensili e stoviglie, gioielli, chiavi, cerniere, telefoni cellulari, ecc, ecc.

Chi lamenta un’allergia al nichel ha, dunque, quasi sempre, una reazione localizzata, a seguito dell’esposizione a oggetti contenenti nichel, che interessa solo quella parte di pelle e che dura tra le due e le quattro settimane. Ma non è sempre così, in rari casi, un’allergia o un intolleranza al nichel può portare anche a problemi respiratori, tra cui:

  • naso che cola
  • infiammazione nasale
  • asma
  • starnuti

E non solo,tra gli altri sintomi dell’allergia o intolleranza al nichel compaiono dolori addominali, diarrea e altri problemi digestivi. Questo non dovrebbe sorprenderci più di tanto visto che l’apparato digerente è un’estensione del tessuto epiteliale che circonda il resto del corpo. Dunque, se qualcosa colpisce la pelle, allora potrebbe avere anche un impatto su stomaco e intestino.

Anche mangiare cibi che contengono piccole quantità di nichel possono innescare una risposta immunitaria che provoca cambiamenti nella pelle. Tuttavia, quando i disturbi sono legati più all’alimentazione che al contatto diretto con il nichel si parla d’intolleranza e non più di allergia.

In particolare, chi soffre d’intolleranza al nichel lamenta i seguenti sintomi:

  • pruriti e dermatiti su tutto il corpo
  • asma
  • acufeni
  • stanchezza
  • infiammazione gengivale
  • nausea
  • mal di testa
  • gonfiore addominale

I pazienti che presentano sia manifestazioni cutanee sia sintomi gastrointestinali possono ridurre i disturbi seguendo una dieta a basso contenuto di nichel. Purtroppo, però, chi soffre d’intolleranza al nichel incontra spesso molte difficoltà ad adattarsi alla nuova dieta, in quanto il nickel contamina frequentemente il cibo, quindi evitarlo diventa molto difficile. Si stima che l’assunzione giornaliera di questo metallo attraverso il cibo è di circa 300 mg, principalmente da farina d’avena, noci, cacao, cioccolato e soia.

Ricordo che l’allergia e l’intolleranza al nichel si possono sviluppare a qualsiasi età e in qualsiasi momento della vita e che, ahimè, sono colpite maggiormente le donne degli uomini.

Andate da uno specialista e fate una diagnosi certa. Sia che abbiate un allergia o un’intolleranza al nichel sono patologie difficili da affrontare da soli. Servono i giusti consigli. Se è un’allergia non posso aiutarvi molto, ma se fosse un’intolleranza allora posso darvi qualche consiglio alimentare.

 

Condividi!

Un commento a “I sintomi dell’intolleranza e/o allergia al nichel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *