Gli ingredienti da evitare nei cosmetici per i bambini

Leggere INCI dei prodotti cosmetici che abitualmente usiamo è una buona abitudine per gli adulti, un dovere, invece, se i prodotti sono destinati ai nostri bambini. È bene, infatti, essere a conoscenza delle conseguenze anche gravi che l’esposizione alle sostanze chimiche contenute in salviette, saponi, shampoo, ecc, possono avere sui piccolissimi.

Allora ecco una lista degli ingredienti dai quali dovete tener lontani i vostri bambini:

Profumo

Alla maggior parte dei prodotti è aggiunto un qualche tipo di fragranza e non solo per rendere più piacevole il prodotto ma anche per mascherare l’odore delle sostanze chimiche nocive utilizzate nella produzione. Il problema è che queste fragranze sono generalmente fatte di prodotti chimici di sintesi del carbone e derivati ​​del petrolio.

Gli effetti nocivi sono di lunga durata, rimanendo sulla pelle per ore, possono irritare le vie respiratorie, la pelle e provocare danni agli occhi, oltre che portare a danni neurologici. Ci sono, inoltre, prove che esporre un bambino in modo prolungato a fragranze, può contribuire allo sviluppo dell’asma.

Il profumo è aggiunto a moltissimi cosmetici per l’infanzia: pannolini, talco, bagnoschiuma, shampoo, lozioni, ecc. Controllate sempre attentamente le etichette prima di acquistare.

Glicole propilenico

È un composto chimico usato nei prodotti cosmetici per aprire i pori e lasciare che gli altri prodotti penetrino meglio nella pelle. Vi dico solo che questa sostanza chimica, tra gli altri usi, è utilizzata nel liquido tergicristallo e come decongelante negli aeroporti.

Nonostante questo si può trovare nelle salviette per neonati.

Attenzione perché sull’etichetta potrebbe essere riportato con altri nomi o sigle: PG, MPG, glicol propilenico, glicole propilenico, propilenglicole, 1,2-diidrossipropano, metiletilglicole.

1,4-diossano

Purtroppo, molti saponi per bambini sono contaminati con 1,4-diossano, un sottoprodotto che si forma durante le fasi di preparazione dei cosmetici. Non è quindi un ingrediente e perciò non è presente in etichetta. Tuttavia, si è notato che probabilmente le sostanze che favoriscono la formazione sono: SLES (sodium laureth sulfate), polietilene, poliossietilene, PEG e polietilenglicole.

Se vedete qualcuno di questi ingredienti state alla larga dal prodotto, il diossano nei bambini potrebbe provocare danni ai reni e al sistema nervoso centrale anche se non è chiaro in quali dosi, diventa pericoloso.

Parabeni

I parabeni sono presenti praticamente in ogni cosmetico, compresi quelli per bambini. Sono dei conservanti che si trovano in saponi, shampoo, creme ecc. Ai parabeni sono stati associati numerosi effetti nocivi legati alla capacità riproduttiva, ma si ritiene che siano responsabili di squilibri ormonali, e irritazione della pelle.

Triclosano

È l’ingrediente maggiormente usato nei prodotti cosmetici antibatterici. Da anni ci si interroga sulla sua tossicità, alcuni recenti studi hanno concluso che esposizioni prolungate al Triclosano possano provocare danni al fegato e portare alla formazione di tumori. Quindi, visti i dubbi fondati è meglio evitare qualsiasi prodotto antibatterico contenente triclosano per i bambini, mentre per gli adulti sarebbe meglio limitarne il più possibile l’uso (soprattutto di quei saponi per le mani antibatterici).

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *