Ti senti gonfio? Potresti essere sensibile al glutine

Ti senti gonfio
Commenti: 0 - Stampa

Ti senti gonfio? Potresti essere sensibile al glutine, si proprio cosi, non è mia intenzione fare del terrorismo psicologico ma solo informare quanto più possibile sulla possibilità che un disturbo banale come il gonfiore addominale, molto spesso sottovalutato e non curato, possa in realtà celare una sensibilità al glutine e non celiachia.

Sì perché, proprio il gonfiore è uno dei suoi principali sintomi. Attenzione, però, sto parlando della sensibilità al glutine e non di celiachia che, non mi stancherò mai di ripeterlo, sono due cose molto diverse. La celiachia, infatti, è una condizione permanente che richiede l’eliminazione completa e definitiva di tutti gli alimenti che contengono glutine; la sensibilità, invece, è temporanea è può essere curata seguendo una dieta chiamata a rotazione in cui gli alimenti che contengono glutine sono eliminati e inseriti a rotazione, sotto controllo medico.

Quello che non cambia in entrambi i casi sono i sintomi che possono essere molto simili e quindi rendere difficile la diagnosi. Dolore addominale, diarrea, mal di testa, perdita di peso o viceversa aumento di peso, stipsi ma anche problemi a livello psicologico come nervosismo, ansia e depressione, sono alcuni dei sintomi più comuni come, d’altronde lo è il gonfiore addominale.

Ti senti gonfio? Indaga

Quindi, se dopo aver mangiato un panino o una pizza vi sentite gonfi e avvertite uno o più disturbi come quelli elencati sopra (o anche altri) il consiglio è, prima di tutto, di fare un test per eliminare la sensibilità al glutine come possibile causa del vostro disagio.

Cosa fare se scoprite di essere sensibile al glutine? Per prima cosa state per quanto è possibile sereni, è vero dovrete modificare le vostre abitudini alimentari e forse anche un po’ il vostro stile di vita, ma con un po’ di pratica e buona volontà riuscirete a ritrovare la salute senza perdere il gusto della buona cucina.

A quali alimenti bisogna prestare maggiore attenzione? Purtroppo il glutine è insidioso, è contenuto in moltissimi alimenti anche in quelli cui non si penserebbe mai. Così oltre a limitare o eliminate tutti i prodotti da forno, i cereali per la prima colazione, la birra e il whisky, bisogna prestare attenzione ai medicinali, alle salse, ai cibi precotti, ai dolci, insomma è necessario assicurarsi prima di mangiare quasi ogni alimento che sia privo di glutine.

Cosa invece si può mangiare? Via libera a frutta e verdura, carne e pesce, ma anche ad alcuni cereali che naturalmente non contengono glutine, ad esempio, riso, mais, miglio, amaranto, quinoa e grano saraceno. Non dimenticate poi che fortunatamente esistono oggi in commercio moltissime linee di prodotti senza glutine che ci permettono di vivere bene, con gusto e senza troppe rinunce.

Cos’è la sensibilità al glutine?

Di sensibilità al glutine si sente parlare sempre più spesso. Chiarirne le caratteristiche è fondamentale. Per quale motivo? Perché è diversa dalla celiachia. A scoprire le differenze in merito è stato un team di ricercatori dell’Università di Baltimora. La situazione è molto semplice da capire: quando si ha a che fare con la celiachia, il glutine causa una reazione autoimmune. La suddetta attacca direttamente la mucosa intestinale, danneggiandola.

La sensibilità al glutine, invece, ha come principali sintomi dolori addominali ed episodi di affaticamento. Nel novero dei segnali che devono mettere in allarme è possibile includere anche il mal di testa e la cosiddetta “cheratosi pilare”. Di sicuro c’è che questa condizione non provoca danni alla mucosa intestinale.

Senza dubbio meno grave della celiachia, la sensibilità al glutine non va comunque sottovalutata. Inquadrata clinicamente da poco tempo, riguarda direttamente circa 3 milioni di persone in Italia, soprattutto adulti.

Considerando i numeri della sensibilità al glutine , è naturale chiedersi perché sia così diffusa. Non esiste, oggi come oggi, una risposta scientifica definitiva. Alcune ricerche inquadrano come motivo principale la presenza di additivi nelle farine che utilizziamo per preparare dolci e non solo.

Menù per sensibili al glutine: qualche consiglio

La diagnosi di sensibilità al glutine avviene per esclusione. Il paziente deve riportare al medico i sintomi nel dettaglio, in modo da permettergli di mettere da parte l’eventualità della celiachia. Per confermare l’eventuale sospetto diagnostico, si inizia con una dieta senza glutine. Si passa poi ai test immunologici, come per esempio la ricerca delle AGA, gli anticorpi anti-gliadina.

Per quanto riguarda la già citata dieta, bisogna seguire dei consigli specifici. Quali sono le ricette migliori da considerare? Iniziamo dalla colazione, il pasto più importante della giornata. Una soluzione molto utile al proposito è lo yogurt con mango e curcuma, un vero concentrato di benessere.

Quando arriva il momento di preparare il pranzo, si può fare riferimento a ricette semplici e gustose come gli spaghetti con zucchine e peperoni, ideali anche per i vegetariani. La cucina per chi soffre di sensibilità al glutine comprende anche altri primi, come per esempio le tagliatelle con fiori di zucca e alici.

Esistono anche degli ottimi piatti unici, leggeri e sani. Un esempio? Linsalata di carote, zucchine e straccetti. Cosa dire invece dei contorni? Puoi provare insalata di avocado e pistacchi.

Per rendere ancora più gustoso il contorno, si può preparare l’insalata di fichi, noci e caprino. Chi ama la cucina raffinata, può provare le zucchine grigliate allo zenzero e pistacchi.

Se ti senti gonfio prepara ricette “senza”

Per quanto riguarda la pietanza, è possibile provare l’insalata di cous cous con tagliata di petto d’anatra, un mix a dir poco speciale che dimostra quanto il glutine non sia un problema per chi ama mangiare bene!

Passiamo ora ai dolci! Puoi provare la pavlova, un dolce dalla storia antica e affascinante. Cosa dire della versione rivista di dolci classici, come per esempio il babà?

Per chi ama gusto e cura del dettaglio esistono soluzioni come la tartelletta di papaya con gelee di mango, una delizia per le papille e per gli occhi.

Si può concludere la cena con un buon succo di mela e broccoli, uno straordinario mix energizzante perfetto con i biscottini di Marta!

La ricetta di questi ottimi biscottini di riso è di Marta Rinaldi.  Sono facili e classici biscotti da latte o té più friabili rispetto a quelli preparati con la farina di grano

Ingredienti per 4 persone

  • 1 uovo
  • 200 gr. di farina di riso finissima
  • 50 gr. di fecola di patate
  • 125 gr. di burro morbido
  • 100 gr. di zucchero
  • ½ bustina di lievito per dolci
  • Il succo e la buccia grattugiata di ½ limone (facoltativi)

Preparazione

Mischiate tra di loro in una terrina le farine aggiungendo il lievito. Lavorate in una terrina il burro, le uova, lo zucchero, il limone e versate un po’ alla volta la  miscela di farine amalgamando bene il tutto

Fate riposare in frigorifero per mezz’ora, poi fate delle palline posatele su una teglia foderata di carta forno e schiacciate delicatamente con la forchetta.

Oppure formate dei biscotti a bastoncino o a forma di S. Infornate a 180° per 15 minuti o finché sono leggermente dorati.

 

5/5 (395 Recensioni)

Seguimi su Instagram e Facebook

Mi trovi sui canali social come Nonnapaperina. Se prepari una mia ricetta e la pubblichi su Instagram o Facebook, aggiungi l’hastag #nonnapaperina, taggami e sarò felice di riconviderla nelle mie storie.

Creerò una raccolta con tutte le ricette che verranno proposte dai lettori e non abbiate paura. Non criticherò nessuno!!! Don’t worry be happy.

Buon lavoro e aspetto la tua ricetta!

CONDIVIDI SU

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare HTML tags e attributi:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

TI POTREBBE INTERESSARE

Rotolo alla crema di nocciole

Rotolo alla crema di nocciole, un dolce perfetto

Rotolo alla crema di nocciole per regalarsi un momento di pura dolcezza Il rotolo alla crema di nocciole è un dolce semplice da preparare e squisito. Si base su un impasto tutto sommato classico ma...

Hummus di cioccolato

Hummus al cioccolato, non la solita crema

Hummus al cioccolato per una merenda davvero gustosa L’hummus al cioccolato è una soluzione molto suggestiva per le colazioni, le merende ma anche per arricchire ricette dolciarie. Può essere...

Gelato allo Skyr e camomilla

Gelato allo Skyr e camomilla, una merenda estiva

Gelato allo Skyr e camomilla, un’idea particolare Il gelato allo Skyr e camomilla è un deliziosa merenda estiva, una ricetta che reinterpreta il concetto stesso di gelato e, allo stesso tempo, ne...

Cremini fritti

Cremini fritti, dei dolcetti squisiti e facili da...

Cremini fritti, un’idea deliziosa I cremini fritti o crema fritti sono dei dolci dalle caratteristiche particolari, infatti sono il risultato della frittura di una crema. Questa viene realizzata...

Mini pie alle more e mirtilli

Mini pie alle more e mirtilli, uno spuntino...

Mini pie alle more e mirtilli, una piccola squisitezza Le mini pie alle more e mirtilli, come suggerisce il nome, sono torte di piccole dimensioni e dal sapore fruttato. Il procedimento è molto...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, davvero...

Ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco, un dessert molto semplice e gustoso I ghiaccioli con Skyr e frutti di bosco sono una gradevole alternativa al classico gelato e ovviamente ai ghiaccioli...


Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine da leggere attentamente! La raccomandazione è quella di controllate sempre gli ingredienti che utilizzate per la preparazione delle vostre ricette senza glutine. Tutti gli alimenti devono essere adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine, percui, verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore. Quando cucinate per un celiaco organizzatevi al meglio per evitare sia la contaminazione ambientale che quella crociata. Un fattore che in molti sottovalutano. Noi scriviamo "consentita o consentito" per lasciare libero ogni utente di utilizzare il prodotto della marca che preferisce. Mi raccomando di leggere sempre le etichette Tutte le informazioni date negli articoli sono esclusivamente di carattere informativo. Non possono essere utilizzate per ipotizzare indagini cliniche e non sono suggerimenti per fare diagnosi o per la somministrazione di fitofarmaci, farmaci, piante o medicinali. Le informazioni che vengono date non sostituiscono ASSOLUTAMENTE il proprio medico o qualsivoglia specialista al quale vi consigliamo sempre di affidarvi. L’utilizzo e la somministrazione delle informazioni sono di esclusiva responsabilità del lettore.


29-02-2016
Scritto da:

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Tiziana Colombo: per voi, Nonnapaperina

Pochi sanno che mi chiamo Tiziana Colombo. Tutti, nel mondo del wewb, mi conoscono come Nonnapaperina. Questo spazio nato è per caso 2004 come una sorta di diario che utilizzavo per condividere una passione. Una passione messa a dura prova dalla diagnosi di intolleranza al nichel prima e al glutine e al lattosio poi: una diagnosi inaspettata che mi ha fatto patire mezza vita. La colpa era sempre lo stress. Mi sono sentita completamente persa e in rete le notizie non erano sempre di aiuto. Non mi sono scoraggiata e ho cercato di trovare una soluzione! Dare un’informazione corretta. Mi sono sentita per molto tempo un vero “Don Chisciotte”. Ora la situazione è migliorata ma abbiamo ancora molto lavoro da fare.

Ma da sola non potevo farcela! Cosi nel 2012 ho fondato l’Ass.Il Mondo delle Intolleranze APS, di cui sono il Presidente in carica. Ad oggi siamo diventati una realtà importante e un punto di riferimento per tantissime persone, chef, aziende e medici. Abbiamo un comitato scientifico formato da professionisti e un gruppo di lavoro attivo e dinamico. Ognuno di noi ha un suo ruolo e tutti gli aspetti vengono vagliati con cura. Vogliamo dare un’informazione corretta e responsabile e siamo a disposizione dei nostri utenti. Torna a pensare positivo e mangiare con gusto. Ti garantisco che è possibile.

Nessun Commento. Che ne dici di lasciarci il tuo commento?
logo_print
Iscriviti alla newsletter settimanale per rimanere aggiornato sulle novità

Iscriviti