Muffin mele e mandorle: il dolcetto che cambia il sapore delle nostre giornate

Ci sono giorni in cui il massimo che possiamo auspicarci è di svegliarci e trovare la forza di trascinarci in cucina e fare il pieno di energie nella speranza di riscrivere totalmente la nostra giornata.

A volte però la colazione non si presenta all’altezza delle nostre aspettative e ci ritroviamo, troppo spesso, a secco e privi di quelle energie sufficienti ad affrontare le nostre giornate.

L’errore è strettamente legato alla scelta degli ingredienti che fanno da corollario alla nostra merenda mattutina: a volte in carico di grassi è eccessivo, a volte gli zuccheri scarseggiano o, in alcuni casi, mancano del tutto e si preferisce la frutta, dimenticando il ruolo che anche i primi possiedono. Quale può essere il giusto compromesso?!

Eccolo rappresentato, ad esempio, dai muffin di mele e mandorle.

Mandorle, la frutta secca che ci mantiene giovani

La nostra alimentazione converge, naturalmente, verso il cibo più buono e più gradevole al palato.

Questo è naturale e giusto, quello che non lo è, piuttosto, è il risultato che consegue a questo, a volte nefasto, modo di selezionare gli alimenti.

Non è necessario cercare nelle merendine preconfezionate la bontà: chi ha assaporato, forse è più giusto dire sgranocchiato, il gusto delle mandorle all’interno dei muffin lo sa bene.

Preziosissima fonte di energia, le mandorle rappresentano un’ottima riserva di vitamina E, sali minerali, magnesio, ma altresì di ferro, calcio e fibre. Esse sono in grado di ritardare l’invecchiamento, deputate come sono alla lotta contro i radicali liberi ed il colesterolo.

Il massimo che ci si possa attendere da un frutto così piccolino.

Una mela al giorno …

Il detto una mela al giorno toglie il medico di torno rappresenta probabilmente il proverbio più vecchio del mondo. Di lapalissiana memoria, la mela incarna il simbolo del frutto antico, sano e genino senza condizioni.

La quantità, praticamente irrilevante, di calorie presente nelle mele, giustifica la loro onnipresente ed immancabile presenza sulle tavole di tutti gli italiani, anziani e soggetti in sovrappeso in testa.

Le mele possiedono altresì delle straordinarie proprietà terapeutiche che ne fanno alimento irrinunciabile per chi soffre di patologie renali e cardiache.

Consumare dei muffin in cui fa la sua bella presenza questo frutto rappresenta la scelta privilegiata per aderire ad una condotta alimentare variegata e policroma.

Per tutti gli amanti della cucina sana, che fa del fai da te un principio indelebile, ecco rassegnati ingredienti e preparazione.

INGREDIENTI per 12 muffins:

  • 170 gr di farina di quinoa
  • 50 gr di burro chiarificato
  • 2 cucchiai di olio di vinacciolo
  • 100 mi di latte di quinoa
  • 70 gr di zucchero
  • 2 uova intere
  • 1 mela
  • 40 gr di mandorle
  • 40 gr di uvetta sultanina
  • Un pizzico di cannella
  • 1 cucchiaio di bicarbonato

PREPARAZIONE

Tritate le mandorle. Ammorbidire l’uvetta.

Tirate il burro fuori dal frigo per fare in modo che raggiunga la temperatura ambiente. Setacciate la farina di quinoa. Preriscaldate il forno a 180 gradi.

Sbucciate la mela, levate il torsolo e i semini e tagliate a pezzettini prima di metterla in una terrina con la cannella, l’uvetta ammorbidita, il trito di mandorle e un cucchiaio di zucchero. Lasciate riposare per mezz’oretta.

Dividete i tuorli dagli albumi. In un’altra terrina sbattete i tuorli con lo zucchero restante fino a renderli spumosi, aggiungete il burro, la farina e il latte. Date una mescolata e poi aggiungere il bicarbonato e i pezzettini di mela.

Montate gli albumi a neve ben ferma e incorporateli al composto mescolando molto delicatamente dal basso verso l’alto.

Rivestite gli stampini con dei pirottini di carta e versatevi l’impasto e infornare in forno già caldo per 20 minuti circa.

I muffins saranno pronti quando si presenteranno dorati e leggermente soffici.

Sfornateli e lasciateli raffreddare su di una gratella prima di servire.

 

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *