Latte ad alta digeribilità: ecco di cosa si tratta e per quale motivo lo assumiamo

Tempo di preparazione:

Il latte ad alta digeribilità – detto anche latte delattosato e latte HD – fa ormai parte della vita quotidiana di tantissime persone che, sia in età infantile sia in età adulta, hanno un’esperienza diretta con l’intolleranza al lattosio, un disturbo che influenza in maniera rilevante le scelte alimentari di chi ne soffre.

Questa condizione ha una storia relativamente recente, in quanto è frutto di una mutazione genetica risalente circa a 7.000 anni fa e che ha coinvolto direttamente alcuni geni responsabili della produzione della lattasi, un enzima necessario per la digestione del lattosio.

Intolleranza al lattosio: come funziona a livello tecnico?

Il lattosio è uno zucchero contenuto nel latte e formato da due sotto unità denominate glucosio e galattosio. La sua digestione avviene proprio grazie al processo di scissione in queste due componenti, messo in atto dalla lattasi.

Nei soggetti intolleranti accade che, a causa della succitata mutazione genetica, la produzione di lattasi cessi dopo lo svezzamento. Questa situazione che ha come principale conseguenza l’incapacità di digerire il lattosio – che subisce un processo di fermentazione da parte della flora batterica intestinale – con conseguenze fisiche difficili per l’organismo (gonfiore addominale, nausea, spossatezza fisica).

Quando il legame tra le molecole di galattosio e quelle di glucosio non viene rotto è infatti praticamente impossibile metabolizzare il lattosio, come non a caso riferiscono i soggetti intolleranti, che lamentano sostanziali difficoltà anche nella digestione di formaggi, latticini e alimenti per la cui preparazione viene utilizzato il latte.

Latte ad alta digeribilità: quali sono le sue caratteristiche

Reperire il latte ad alta digeribilità è ormai molto facile. Da diversi anni la grande distribuzione è attenta alle esigenze di chi vive con intolleranze e allergie e ha bisogno di reperire prodotti alimentari particolari a un prezzo non eccessivamente alto. Trovare il latte ad alta digeribilità al supermercato è possibile, così come scegliere tra diverse marche.

Ma quali sono le sue caratteristiche? Questo tipo di latte è trattato proprio con l’enzima lattasi. Il principale obiettivo del processo di trattamento è la scissione del lattosio negli zuccheri più semplici glucosio e galattosio, così da rendere il prodotto più digeribile.

Una curiosità interessante sul latte ad alta digeribilità è il suo sapore leggermente più dolce rispetto a quello del latte tradizionale, questo per il semplice fatto che il lattosio è caratterizzato da un basso potere dolcificante.

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *