La crostata di riso e 5 modi per affrontare la celiachia serenamente

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle 1 voti, media: 5,00 su 5
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    5 persone
  • Tempo di Preparazione
    20 Minuti
  • Tempo di Cottura
    18 Minuti
  • Tempo Totale
    40 Minuti
CROSTATINE DI RISO CON MARMELLATA DI ARANCIO

Perfetta per gli intolleranti e gli allergici al glutine: buon appetito!

La crostata con riso e marmellata di arancio è un dolce tipico della tradizione, ma che nelle mani del PastryChef Massimo Bonanomi si trasforma in un dolce genuino e perfetto per gli intolleranti al glutine.

Approfittiamo dell’occasione per riflettere sui disagi di questa intolleranza, dandovi 5 preziosi consigli.

La celiachia: un disturbo frequente

Ma i dati sono davvero allucinanti: si conteggiano ben 85.000 diagnosi in Italia ogni anno, dati ancora più assurdi se si considerano i ben 500.000 celiaci in Italia che non sanno di esserlo.

Affrontare il disturbo con criticità non è per nulla ragionevole.

E’ bene piuttosto seguire alcuni validi consigli che ci consentono di vivere in maniera ancora più sobria quest’esperienza quotidiana.

1. Prevenire la sintomatologia

La celiachia, diversamente da quello che molti sarebbero indotti a credere, è caratterizzata da un’importante e diffusa componente ereditaria. Dunque, al di là del manifestarsi della sintomatologia ad essa correlata, è consigliabile per tutti coloro che in qualche modo ne possono essere soggetti per predisposizione genetica, eseguire i dovuti controlli.

2. Riporre particolare attenzione alla sintomatologia accusata dai bambini

Se già gli adulti di per sé sono in difficoltà nel discernere e riconoscere i disturbi da ricondursi alla celiachia piuttosto che ad un’altra patologia, immaginiamo quali possano essere le difficoltà nelle quali i genitori incorrono quando sono i loro bambini ad accusare i primi fastidi. Disturbi dell’alvo, dolori addominali, rallentamento dell’accrescimento del peso o della statura, nonché ritardo dello sviluppo puberale dei loro figli rappresentano serie spie di allarme da non trascurare. ​

3. Scelta degli alimenti più adatti

Se è vero che oggi l’offerta di cibi per celiaci ha dello straordinario in termini di quantità e di canali di acquisto, è pur vero che non tutti i prodotti rispondono al meglio alle necessità di questi ultimi.

​Il consiglio è quello di osservare bene la confezione e verificare la presenza in essa del marchio con la spiga rossa, garanzia di sicurezza della qualità dei relativi prodotti, sottoposti ad una rigida e meticolosa filiera di controlli.

4. Imparare a distinguere

L’aspetto più critico di tale patologia è, probabilmente, quello di essere caratterizzata da una diffusa eterogeneità dei sintomi. E’ questa la ragione per la quale un quinto di tutti i soggetti affetti da questo disturbo non hanno avuto modo di individuarlo.

Molte persone sono celiache senza neppure saperlo. Il consiglio è dunque quello di non sottovalutare questi disturbi e sottoporsi piuttosto a tutte le verifiche del caso.

5. Non vivere la celiachia come una limitazione

Forse non tutti lo sanno, ma la celiachia oggi presenta tutte le condizioni oggettive e sociali per essere affrontata al meglio e senza limitazioni personali.

Il nostro paese, a ben vedere, si è attrezzato a dovere: basta dire che sono ben 1200 gli alberghi, le strutture di ristorazione quali ristoranti, pizzerie, gelaterie, che offrono servizi e/o prodotti per celiaci.

Il modo di vivere l’esperienza della celiachia, come si vede, oggi è molto cambiato. Quello che era un tempo un settore segnato da molte lacune, criticità e vulnerabilità sembra assurgere oggi ad una branca della medicina in cui possiamo davvero dire sia stata toccata l’eccellenza.

Crostata di riso: perfetta per gli intolleranti

Eccoci qui a questa stupenda ricetta. Per nulla impossibile da preparare, come tutte le crostate che si rispettano potrà conservarsi per diversi giorni in credenza.

Cercare di richiuderla sempre in un sacchetto di plastica o avvolta a della pellicola, in modo da non farle perdere la fragranza della pasta frolla realizzata con la farina di riso.

Buon appetito!

Ingredienti per 5 persone

  • 180 gr farina di riso
  • 75 gr amido di riso
  • 90 gr zucchero di canna bianco
  • 75 gr uova intere
  • 170 gr olio di riso
  • q.b. limone grattuggiato
  • q.b. marmellata di arancio

Procedimento

  1. Setacciate e miscelate le farine, unite lo zucchero, le uova e il limone, aggiungete l’ olio a filo fino a completo assorbimento. L’ impasto deve essere liscio e compatto.
  2. Avvolgete in una pellicola da cucina e riponete in frigorifero per alcune ore.
  3. Stendete l’ impasto all’ altezza di un centimetro e foderate le tortiere. Su una teglia a parte stampate le decorazioni con uno spessore più sottile.
  4. Preriscaldate il forno a 180° e fate cuocere per 20 minuti circa e 15/18 minuti le decorazioni.
  5. Togliete dal forno, mettete la marmellata e continuate la cottura per altri 5 minuti. Una volta raffreddate, disponete le decorazioni a piacere.

Condividi!

2 commenti a “La crostata di riso e 5 modi per affrontare la celiachia serenamente

    1. Tiziana Autore articolo

      Daniela con la cottura al forno e mescolato al cibo non è dannoso. Quando l’olio viene scaldato ad alte temperature per friggere per noi intolleranti al nichel non va assolutamente bene

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *