Parliamo della dermatite erpetiforme

Forse non tutti sanno che la celiachia può manifestarsi anche con problemi dermatologici non necessariamente accompagnati da sintomi intestinali. Si chiama dermatite erpetiforme, nota anche come malattia di DH e Duhring, che altro non è che una manifestazione cutanea della celiachia.

Quali sono i sintomi della DE?

Prurito intenso, bolle e vesciche che somigliano alle lesioni da herpes (da cui il nome “erpetiforme”) che appaiono su entrambi i lati del corpo, più spesso sugli avambracci vicino ai gomiti, nonché sulle ginocchia e sui glutei. Si tratta di una condizione permanente i cui sintomi tendono ad andare e venire che però può andare in remissione, di solito con una rigorosa dieta senza glutine.

Quale rapporto c’è tra la dermatite erpetiforme e la celiachia?

La DH colpisce il 15-25% delle persone affette da celiachia, che di solito non ha sintomi digestivi. Tuttavia, anche senza sintomi, un danno intestinale si verifica nel 90% delle persone con DH. Può colpire persone di tutte le età, ma più spesso appare per la prima volta nei soggetti di età compresa tra i 30 e i 40 anni. Le persone di discendenza europea settentrionale hanno più probabilità rispetto a quelli di origine asiatica o africana di sviluppare la DH. È un po’ più comune negli uomini rispetto alle donne.

La sensibilità al glutine è di solito genetica. Sono stati condotti alcuni studi su famiglie affette da celiachia e DH che hanno mostrano che il 5% dei parenti di primo grado di una persona con DH avrà anch’esso la DH. Un ulteriore 5% dei parenti di primo grado di una persona con DH avrà, invece la celiachia, mentre, circa un altro 4% svilupperà altre malattie autoimmuni associate alla DH, come l’ipotiroidismo.

Quali sono le cause?

La dermatite erpetiforme è causata da un deposito di immunoglobulina A (IgA) nella pelle, che innesca ulteriori reazioni immunologiche con conseguenti formazioni di lesioni. La DH è una manifestazione esterna a una risposta immunitaria anormale al glutine.

Qual è la cura per la dermatite erpetiforme?

La cura prevede, oltre a trattamento antibiotico per attenuare il prurito, una dieta rigorosa priva di glutine, Ciò significa che il paziente non potrà più mangiare cibo e bevande o assumere farmaci contenenti grano, segale, orzo, avena e loro derivati. Una dieta priva di glutine è l’unica soluzione in grado di controllo efficacemente la dermatite erpetiforme. Questo trattamento, nella maggior parte dei casi, deve essere continuato per 1-2 anni per evitare ulteriori focolai DH.

Dopo che avete letto tutto quanto vi sollazzo con una ricetta strepitosa del Pastry Chef Massimo Bonanomi

Pasta frolla

  • 50 gr. amido di riso
  • 100 gr farina di amaranto
  • 100 gr. farina di miglio
  • 120 gr .zucchero di canna
  • 100 gr. uova
  • 110 gr. olio di semi d’ uva

In un contenitore miscelare le farine, lo zucchero e le uova. Quindi aggiungere l’ olio e lavorare fino a che sia compatto e riporre in frigorifero per 2 ore.

Pere cotte agli aromi

  • 2 pere abate
  • 150 gr. acqua
  • 2 gr. cannella
  • 1 gr. vaniglia
  • 1/2 buccia di arancio

Sbucciare, tagliare a metà e togliere il torsolo delle pere. Mette a cuocere con il resto degli ingredienti e lasciare bollire lentamente per 7 minuti. Poi far raffreddare nell ‘ acqua di cottura.

Morbido al cacao

  • 100 gr. farina di mandorle
  • 15 gr.  cacao
  • 100 gr.  zucchero
  • 150 gr. uova
  • 70 gr. olio di semi d’ uva

Mescolare la farina di mandorle, il cacao, lo zucchero con le uova. Quindi versare l’ olio e continuare a lavorare fino a renderlo cremoso.

Assemblaggio

Stendere la frolla dello spessore di ½ cm, in una teglia antiaderente del diam di 20 cm. Cospargere uno strato di confettura di albicocca, tagliare le pere a quadrotti e disporre sul fondo.

Quindi riempire con l’ impasto al cacao. Cuocere a 180° per 25 minuti. Decorare con una pera tagliata a fettine.

 

Condividi!

Un commento a “Parliamo della dermatite erpetiforme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *