Budino con semi di chia e frutta secca, una carica di Omega 3 al sapore di vaniglia

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    2/3 bicchieri
chia pudding con frutta secca

Si, il pudding, una specialità gastronomica di origine inglese molto apprezzata anche sulle nostre tavole, in quanto cremosa, golosa, fresca.

Sono ormai ampiamente note le proprietà nutrizionali di cui la frutta secca si fa portatrice. Perché, dunque, non designarle il ruolo di ingrediente principale di un goloso budino?

Si, il pudding, una specialità gastronomica di origine inglese molto apprezzata anche sulle nostre tavole, in quanto cremosa, golosa, fresca. 

Eccone uno dei più gustosi: il Budino con semi di chia e frutta secca. Si alla frutta secca … ed ecco perché

E’ notorio, la frutta secca rappresenta la frutta d’eccellenza degli sportivi ma, spesso, si trascurano le mille altre caratteristiche nutritive e funzioni che essa è in grado di assolvere per il nostro organismo.

Se opportunamente contestualizzata e rapportata alle specifiche necessità fisiologiche di ogni individuo, la frutta secca può rappresentare davvero uno dei principali pilastri di ogni dieta.

Esatto, rapportata, perché l’apporto di frutta secca può cambiare in base alle esigenze, al consumo di calorie, al fabbisogno quotidiano di energie, che cambia anche in base al peso, alle attività svolte ed al sesso. A dispetto di quello che si comunemente si pensa, la frutta non è grassa, almeno se intesa nella più comune sua accezione del termine.

Si, grassi ne sono presenti, ma trattasi di grassi insaturi, amici del nostro organismo.

Vero e proprio scudo contro il naturale processo di ossidazione del nostro corpo, la frutta secca, se consumata con una certa moderazione, è in grado di apportare elevate quantità di Omega 3, senza con ciò provocare un aumento di peso.

 Semi di chia: i semi dalle straordinarie proprietà nascoste

La preparazione di un pudding rappresenta un’ottima opportunità di consumare i semi di chia, poco conosciuti nella nostra dieta, ma estremamente ricchi di benefici a carico del nostro organismo.

E’ sorprendente la quantità di calcio, ferro e, soprattutto calcio che questi semi possiedono.

A volte ci si sofferma su alimenti notoriamente ricchi di queste sostanze, ed è un bene, ma è opportuno guardarsi intorno, perché, l’alimentazione umana è molto variegata e per soddisfare in pieno tutte le esigenze fisiologiche, è opportuno fare tesoro anche nelle specie vegetali.

Ottimo giovamento nel consumo di tali semi possono trovare tutti coloro che soffrono di pressione alta nonché di colesterolo, in quanto essi si rivelano in grado di favorire la circolazione del sangue.

Altra caratteristica che ne fa una varietà di semi tra le più apprezzate nel mondo del gluten free: questi semi non contengono glutine, un motivo questo in più per favorirne il consumo da parte di un pubblico di consumatori sempre più ampio e diversificato.

 Ecco ingredienti e preparazione del goloso budino adatto a chi ha intolleranza al glutine e/o al lattosio

Foto: Letterberry

 

Ingredienti per 2/3 bicchieri

  • 400 ml latte di mandorla
  • 60 gr semi di chia
  • 1 cucchiaio sciroppo d'agave
  • 1 cucchiaio vaniglia in polvere
  • 100 gr noci, nocciole o mandorle tritate
  • il succo di 1 limone
  • 2 kumquat o mandarini

Procedimento

  1. L'ideale è preparare il budino ai semi di chia alla sera per averlo la mattina successiva pronto da gustare per una colazione energetica.

    In una caraffa versate a poco a poco, alternandoli, il latte e i semi di chia e mescolate per qualche minuto. Aggiungete un cucchiaio di sciroppo e la vaniglia e lasciate a riposare per tutta la notte.

    Durante il tempo di riposo prenderà la consistenza cremosa di un budino.

    Al momento di servire alternate strati di budino e della frutta secca sbriciolata fino a terminare gli ingredienti.

    La superficie del budino potrà essere guarnita con delle nocciole tritate, dei frutti di bosco o della frutta di stagione tagliata a fettine o a cubetti a scelta. Per chi lo gradisse stemperare con del limone.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *