10^ Asta del Bue Grasso: L’evento più atteso agli albori dell’inverno

Il Comune di Carrù è lieto di presentare un evento straordinario, che di anno in anno si rinnova vedendo quali protagonisti i bovini dell’omonima cittadina, famosi in ogni dove.

Trattasi della 10^ asta del bue grasso di Carrù, un evento che ha segnato la storia dell’eccellenza delle carni piemontesi, conosciute in tutto il mondo per la loro genuinità ed il loro elevato valore gastronomico.

Trattasi di un evento che è oggi divenuto un tradizionale appuntamento non solo commerciale, ma anche folkloristico ed il cui rilievo ha assunto, ormai da anni, dimensioni extraregionali.

L’asta avrà inizio il 23 novembre e si concluderà martedì 8 dicembre, giorno in cui, tra le ore 10.30 e le ore 12.00, presso il foro boario di Piazza Mercato, a Carrù, si potrà assistere all’aggiudicazione dei 10 bovini messi all’asta attraverso il lancio di offerte rese sia nelle forme telematiche che in quelle più tradizionali. La fiera ha origini molto antiche: sembra che a Carrù, già nel 1473, si tenessero mercati di bestiame con frequenza bisettimanale.

Fu il duca Vittorio Amedeo I ad aver concesso alla comunità di Carrù, con un decreto datato 15 ottobre 1635, la possibilità di tenere una fiera annuale, da farsi ricadere esattamente dopo la festa di San Carlo del 4 novembre, della durata di tre giorni.

Le origini dunque sono molto antiche: basti pensare che la prima vera e propria fiera del bue grasso si è tenuta nel 15 dicembre del 1910.

Un doveroso grazie al Consorzio di tutela del bue grasso di Carrù

Questo evento pone al centro dell’attenzione l’importanza che il bue grasso possiede nella gastronomia dell’intera città di Carrù.

Importanza che è stata messa in risalto sin dalla sua fondazione, avuta luogo nel novembre 2014, dal Consorzio per la promozione, la valorizzazione e la tutela del Bue Grasso di Carrù, meglio noto come “Consorzio di tutela del Bue Grasso di Carrù” che, ad oggi, conta più di 100 capi bovini iscritti fra buoi e manzi adulti castrati che vengono allevati in ossequio alle modalità previste dal disciplinare di produzione approvato nel corso della seduta del 27 dicembre 2014 ad opera del Consiglio di Amministrazione del Consorzio.

E’ tutto merito di tale Consorzio se sono state assunte misure volte ad incentivare l’allevamento, la produzione, la commercializzazione ed il consumo di Bue Grasso di Carrù.

E’ doveroso fare alcuni nomi, quello del Dott. Giovanni Comino, professionista di lunga e consolidata esperienza, già direttore della struttura veterinaria dell’ASL CN1 e profondo conoscitore della razza Piemontese: è a lui che si deve il maggior contributo alla nascita del Consorzio. Come non ringraziare il Sindaco di Carrù, Stefania Ieriti, designata socio promotore del Consorzio a merito del suo ruolo di traino indispensabile per la costituzione del Consorzio.

Ecco che l’asta si fa canale privilegiato di questo tesoro di Carrù, frutto di profondi sacrifici e della sconfinata passione di tanti allevatori che hanno fatto di questa carne di eccellente qualità il fiore all’occhiello della razza piemontese.

COMUNE DI CARRU’

tel. 0173757725 – fax 0173757730

mail: commercio.elettorale@comune.carru.cn.it

PEC: comune.carru.cn@cert.legalmail.it

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *