Tartara di melanzane su crema di fave con polpo

Tartara di melanzane su crema di fave con polpo. Ho frequentato una cooking class  a Milano con una cuoca molto nota e sono rimasta folgorata dalla crema di fave che abbiamo visto preparare e dalle tartare di pesce, ho quindi reinventato la tartara invertendo gli ingredienti e ponendo la verdura come punto forte del piatto in cui si dà colore grazie a un ottimo polpo fresco abbattuto e cotto alla piastra. Il piatto è colorato, salutare, poco calorico e di sapore inimitabile.

Inutile parlarne, va solo assaggiato!

Ed ecco la ricetta della Tartara di melanzane su crema di fave con polpo

Ingredienti per 4 persone

  • 1 polpo fresco abbattuto
  • 600 gr fave decorticate
  • 2 melanzane grosse
  • 3 cucchiai di olio evo
  • q.b. sale
  • qualche fogliolina di basilico

Procedimento

Preparate la crema mettendo a cuocere per 20 minuti le fave decorticate, una volta pronte passatele al mixer con un po’ di acqua di cottura, un filo d’olio evo e aggiustate di sale in modo da ottenere un composto fluido e senza grumi.

Nel frattempo tagliate a piccoli cubetti le melanzane e cuocetele in padella qualche minuto, giusto il tempo che diventino dorate ma facendo attenzione che rimangano croccanti.

Infine tagliate i tentacoli del polpo fresco abbattuto e passateli qualche minuto su una piastra molto calda, la parte esterna deve essere cotta ma non bruciata e la parte interna deve rimanere tenera.

Impiattate iniziando dalla tartara, mettete i pezzi di melanzana all’interno di un coppapasta rotondo e pressate un poco in modo che la struttura resti stabile, continuate poi aggiungendo un fondo di crema alle fave, infine adagiate qualche tentacolo di polpo alla piastra e guarnite a piacere con una fogliolina di basilico.
Buon appetito.

 

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Nota per celiaci o sensibili al glutine

Controllate sempre che gli ingredienti che adoperate per la preparazione delle vostre ricette siano adatti ai celiaci e alle persone sensibili al glutine. Verificatene la spiga sbarrata, la presenza sul Prontuario dell’AIC o le indicazioni sull’etichetta del produttore.

Nota per gli intolleranti al lattosio

Nota per gli intolleranti al lattosio

Dalla nota ministeriale: E’ stata eliminata la dicitura “delattosato”, in quanto precedentemente associata alla dicitura “dietetico”. Si potrà usare al suo posto la dicitura senza lattosio per i prodotti lattiero caseari e per il latte con contenuto di lattosio inferiore a 0,1 g per 100 g o ml

Print Friendly, PDF & Email

Condividi!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *