La batata rossa: il tubero atipico dalle proprietà straordinarie

La sua forma, il suo colore, il suo sapore: tutto della batata rossa appare singolare, insolito.

Si tratta di uno dei tuberi dalle mille proprietà, poco noto, per non dire addirittura sconosciuto, nel nostro Paese. Eppure oggi, a voce unanime, medici di tutto il mondo ne suggeriscono il consumo in cucina, addirittura da cruda: se è vero infatti che la batata rossa è molto simile alla comune patata, è altrettanto vero che essa vede moltiplicate le sue proprietà rispetto a quest’ultima e non sono pochi gli esperti che consigliano di consumare il tubero in questione da crudo e con la buccia: sarebbe impensabile, forse allucinante, credere di poter fare lo stesso con la nostra comune patata.

Ma, ribadiamolo, la batata rossa non è una comune patata.

Batata rossa: l’alleato numero uno contro diabete e glicemia

Non sono pochi di studi condotti sulla batata rossa: si è infatti notato che nei paesi in cui essa viene regolarmente consumata, gli indici di glicemia e diabete sono sensibilmente contenuti rispetto a quelli nei quali questo tubero non è conosciuto.

In effetti, a seguito di alcuni test eseguiti su un campione di persone affette da glicemia o diabete, si sono riscontrare nette riduzioni della glicemia basale e del colesterolo, con un conseguente sensibile miglioramento del proprio generale stato di salute una volta avuto luogo il consumo di questo straordinario tubero.

Batata rossa: il più naturale prodotto di bellezza

Oltre a contenere vitamine A e C, potassio, magnesio, e ferro, la batata rossa  risulta ricca di flavonoidi e antociani e, per la stessa ragione, si rivela una miniera di antiossidanti.

Non è un caso che essa, soprattutto in America, ove è stata annoverata tra i tuberi più salutari della dieta umana, venga consumata soprattutto dal pubblico femminile, celando essa delle preziose proprietà anti-aging, lo dimostrerebbe anche la presenza del relativo estratto di questo tubero in svariate creme di bellezza.

Grigliata, al forno, con il rosmarino: la batata rossa, esattamente come la patata comune, ben si presta ad innumerevoli utilizzi in cucina.

Un ottimo piatto è rappresentato dal riso integrale con la batata rossa: un piatto indimenticabile ed unico, che sa stupire proprio tutti.

Per la preparazione di questo gustoso primo è sufficiente far soffriggere una testa di aglio in un po’ di olio extravergine di oliva, aggiungervi la batata rossa precedentemente bollita e schiacciata, a seguire un po’ di acqua, burro a fiocchetti ed infine il riso. A piacere ultimare la preparazione con una spolverata di parmigiano reggiano … una vera golosità per grandi e piccini!

E’ giunta l’ora di valorizzare anche in Italia questo potente tubero che, anche se in punta di piedi e con scarsa frequenza, inizia, a ben vedere, a far capolino tra i banconi dei nostri supermercati.

Condividi!

3 commenti a “La batata rossa: il tubero atipico dalle proprietà straordinarie

    1. Tiziana Autore articolo

      Gabriella il riso integrale viene consigliato dai nutrizionisti in quanto alcuni studi confermano che possa ridurre fino al 36% il rischio di sviluppare il diabete rispetto al consumo di riso raffinalo.

  1. Ren

    Il riso integrale, non essendo pulito e “raffinato”, non provoca sbalzi nell’assorbimento dei carboidrati – a differenza del riso comune.

    L’indice glicemico del riso integrale è di 34, quindi un valore ottimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *