Il frullato di kiwi con latte di quinoa e riso l’avete mai provato?

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle 1 voti, media: 4,00 su 5
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo di Preparazione
    10 Minuti
  • Tempo Totale
    10 Minuti
frullato di kiwi con latte di quinoa

Il frullato di kiwi con latte di quinoa e riso: perfetto per gli intolleranti e buonissimo per tutti!

Il frullato di kiwi con latte di quinoa e riso l’avete mai provato? È una prelibatezza che, sono sicura, non vi farà di certo rimpiangere il latte vaccino.

A proposito del latte convenzionale, vorrei fare alcune riflessioni con voi riguardo alla domanda che tutti gli intolleranti si fanno su questo famigerato ingrediente: fa male o fa bene?

Fa parte della dieta quotidiana della maggior parte delle persone in tutto il mondo, almeno nei Paesi Occidentali, non c’è da stupirsi quindi, anzi, è doveroso chiedersi se il latte di origine animale faccia veramente bene alla salute. Numerosi studi sono stati condotti a tal fine, i risultati sono discordanti, esistono pro e contro che derivano dall’assunzione del latte. Per una giusta valutazione è necessario considerare le specifiche esigenze nutrizionali e condizioni di salute di ogni singolo individuo. Non è quindi possibile dare un giudizio universale sulla bontà nutrizionale del latte vaccino ma possiamo analizzarne alcuni dei pro e  contro.

Contro il frullato di kiwi con latte di quinoa

Alto contenuto di calcio e vitamina D: Il latte è una fonte eccezionale e concentrata di entrambi questi nutrienti, che sono componenti dietetici essenziali per la salute delle ossa.

Colina: il latte è una delle migliori fonti di colina; un nutriente importante che si è scoperto aiuta a conciliare il sonno, il movimento muscolare, l’apprendimento e la memoria. Inoltre, la colina aiuta a mantenere la struttura delle membrane cellulari, la trasmissione degli impulsi nervosi, l’assorbimento di grassi e riduce l’infiammazione cronica.

Potassio: il potassio è un minerale fondamentale per la salute generale dell’organismo; è associato ad un ridotto rischio di ictus, malattie cardiache, protegge contro la perdita di massa muscolare, aiuta la conservazione della densità minerale ossea e riduce la formazione di calcoli renali.

A favore del frullato di kiwi con latte di quinoa

Lattosio: Questo zucchero del latte è la causa scatenante dell’intolleranza al lattosio di cui moltissime persone in tutto il mondo soffrono. L’intolleranza al lattosio non sempre è facile da individuare. Ogni individuo reagisce in modo diverso al lattosio, con maggiore o minore sensibilità e con sintomi molto diversi. L’unico modo è fare delle prove introducendo ed eliminando quantità diverse di latticini.

 Siero di latte e caseina: sono due proteine contenute nel latte che da un lato sono capaci di fare del bene al nostro organismo ma che dall’altro possono rivelarsi anche causa di allergia, soprattutto nei bambini più piccoli.

Calorie: siamo spinti fin da piccoli a bere molto latte, a colazione, a merenda e in alcuni casi anche durante i pasti principali. Ci dimentichiamo però in questo modo che il latte contiene, oltre a una considerevole dose di nutrienti, anche una non trascurabile quantità di calorie. Così che se beviamo latte (non scremato) tre volte al giorno finiamo per assumere la bellezza di 300 – 400 calorie, cioè una buona parte del fabbisogno calorico giornaliero. Questa considerazione vale soprattutto per i bambini, spinti a bere latte più volte al giorno.

Io che propendo a non usare il latte vaccino, quindi mi faccio un bel frullato con latte di quinoa e riso! Anzi, vi dirò di più… facciamolo insieme!

 

Ingredienti per 4 persone

  • 1 banana
  • 1 kiwi
  • 150 ml latte di quinoa e riso
  • 1 cucchiaino zucchero di cocco
  • q.b. cannella in polvere

Procedimento

  1. Sbucciate la banana e il kiwi e tagliateli a fettine
  2. Mettete la frutta nel bicchiere del frullatore e aggiungete il latte e lo zucchero
  3. Azionate per qualche minuto finche non ottenete la giusta consistenza

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *