Con Ferrari Formaggi a Cheese 2015

Anche in questo 2015, anno dell’Expo,  Ferrari Formaggi ha partecipato  a Cheese 2015, che si è svolto dal 18 al 21 settembre scorsi a Brà, in Piemonte.

Cheese, è la grande kermesse a cadenza biennale organizzata  da Slow Food e  dedicata alle forme del latte e al mondo dei formaggi che si snoda tra le vie e le piazze del centro storico della cittadina dove trovano posto il Mercato dei Formaggi, la Gran Sala dei Formaggi e l’Enoteca, la Casa e la Piazza della Biodiversità, la Piazza della Pizza, le Cucine di strada e la Piazza della Birra.

Il 18 settembre scorso, giorno di apertura della grande kermesse, con Ilaria Barbotti, presidente di Igers Italia, blogger, influencer e addetti stampa, siamo stati ospiti dello stand Ferrari dove abbiamo avuto modo di conoscere e degustare le eccellenze della famosa Azienda di formaggi: il Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna, il Grana Padano Riserva, l’ Emmentaler Switzerland e le nuove confezioni di Degustazione.

Il Grana Padano Riserva Ferrari  con la sua medaglia d’oro, conferitagli da  una giuria di esperti internazionali dell’International Cheese Award di Nantwich, una cittadina inglese posta poco a sud di Liverpool e di Manchester, nella categoria “Hard Italian Cheese” ovvero dei formaggi Duri Italiani  che comprende  oltre al Grana Padano, Il Parmigiano Reggiano ed altri formaggi duri, era il festeggiato n° 1  

La motivazione di questa medaglia? “Il Grana Padano Riserva Ferrari  è un ottimo esempio di formaggio duro italiano.  A lunga maturazione, dal sapore equilibrato con una bella nota di caramello e non troppo asciutto”.

E c’è da esserne orgogliosi!!!  Ma Ferrari Formaggi all’ “Italian Hard Cheese” è andata oltre ed ha  vinto anche 2 medaglie d’argento: una nella categoria “formaggi da agricoltura biologica prodotti al di fuori del Regno Unito”, con il Parmigiano Reggiano prodotto con latte da agricoltura biologica; l’altra  nella categoria “prodotti ad elevato contenuto di servizio”, con Gransfoglia.

Non potete credere quanta gioia e quanto entusiasmo si respiravano nello stand Ferrari e il momento del taglio tradizionale delle forme di  Grana Padano Riserva e Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna è stato un vero e proprio trionfo.

Il vedere la cura e  la maestria dei casari nel tagliare le due forme di formaggio è stato un momento di grande emozione. La loro gestualità e meticolosità nel compiere il taglio nelle due forme era una vera e propria espressione d’amore nei loro confronti

Tutto si è svolto come in un rito: dapprima la preparazione dei coltelli, poi la battitura della forma, il taglio e per ultima l’apertura della forma. 

Un rito scandito da tempi lenti in cui è necessario muoversi con precisione e delicatezza per capire prima se la stagionatura è andata a buon fine,  per poter aprire poi correttamente la forma, arrivare quindi  all’assaggio.

Il Grana Padano Riserva è un formaggio affinato per oltre 20 mesi che  grazie alla stagionatura prolungata acquisisce un aroma ricco, pieno ed equilibrato e un sapore prevalentemente dolce con un perfetto equilibrio tra sapidità e acidità. La struttura è dura e altamente friabile.

Il Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna è prodotto nel caseificio Ferrari di Bedonia (Parma) che utilizza esclusivamente il latte raccolto nei cinque  comuni dell’alta Val Taro. Il latte proveniente dai pascoli montani conferisce al Parmigiano Reggiano Prodotto di Montagna Ferrari un sapore equilibrato con aromi che richiamano note floreali e fruttate dei pascoli. Affinato accuratamente da Ferrari, il formaggio acquista un sgusto deciso ma equilibrato, ideale per impreziosire ogni preparazione in cucina.

Dopo i casari siamo passati alla degustazione, dei prodotti Ferrari Formaggi che erano tutti buonissimi…

Nel pomeriggio ci siamo trasferiti a Pollenzo per una visita alla Banca del Vino che in occasione di Cheese 2015 ospita i Laboratori del Gusto  pensati per imparare a riconoscere la qualità di cibi e bevande, per  confrontarsi direttamente con i produttori, per  approfondire le proprie passioni e per farne nascere di nuove. In questa edizione sono stati  protagonisti i giovani pastori e casari, le loro storie e i loro prodotti.

Abbiamo avuto anche la possibilità di visitare le cantine storiche assaggiando vini di tutta Italia in abbinamento ad altrettanti formaggi dei Presidi Slow Food.

La sera il ritorno a casa strafelice di avere incontrato formaggi e bini di grande qualità!

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *