In casa Mutti è partita la raccolta dei pomodori….

Martedì 28 luglio  scorso “Mutti il pomodoro”  ha  dato ufficialmente inizio  alla raccolta dei pomodori della stagione 2015, dando così inizio ai 60 giorni lavorativi più intensi dell’azienda.

Effettivamente la raccolta ha avuto inizio 16 luglio scorso e ha coinvolto 485 aziende agricole in Italia:  di queste 360 sono le aziende  poste in  Pianura Padana e che riforniranno  lo stabilimento di Parma, mentre le altre 125 poste in  Puglia, Molise, Basilicata e Campania riforniranno lo stabilimento Fiordagosto, nei pressi di Salerno.

Madrina dell’evento la mia cara amica Sonia Peronaci di  Giallo Zafferano che con  Davide Oltolini  giornalista e critico gastronomico è “scesa in campo”  inaugurando  la  raccolta del pomodoro e  successivamente ha assistito alle fasi di lavorazione della Prima Polpa Mutti 2015 nello stabilimento di Parma.2015-07-28 20.56.09Con questo prezioso carico sono partiti verso Milano, destinazione il padiglione Federalimentare CibusèItalia di EXPO. dove ad attenderli oltre a un selezionato pubblico formato da giornalisti e foodblogger c’era lo chef Simone Rugiati.

L’ amministratore delegato dell’azienda Francesco Mutti, Sonia Peronaci e Davide Oltolini  hanno consegnato allo chef la lattina di Prima Polpa Mutti 2015 e lui, con questo tesoro appena uscito dalla fabbrica,  si è esibito in uno showcooking durante il quale  ha preparato tre gustosissimi piatti.

Assistente speciale  dello chef  Francesco Mutti , valido aiuto  nella preparazione  dei piatti di realizzati proprio con la Prima Polpa di Pomodoro Mutti 2015 che ci ha raccontato la storia della sua  azienda, che da quattro  generazioni produce concentrato, passata e polpa di pomodoro, apprezzati in tutto il mondo.

La loro carta vincente? Il controllo della qualità su tutta la filiera, dal campo alla tavola dei propri clienti,  con una particolare attenzione all’ambiente.

 Dal 1999, Mutti– prima in Italia,  certifica la qualità dei propri prodotti e con il marchio “Produzione Integrata Certificata”, e dal 2001,  e grazie a un doppio controllo, sulle operazioni agricole, sulle piantine, sul  pomodoro fresco e sul prodotto finito li certifica  “non OGM”.2015-07-28 21.32.10

Come conseguenza logica al  concetto di qualità eccellente c’è il concetto di sostenibilità ambientale.

In collaborazione con il WWF e con il Centro Euro-Mediterraneo sul Cambiamento Clima, ha dato vita ad un progetto di gestione dell’irrigazione che oggi coinvolge circa 50 aziende agricole poste in Emilia Romagna e Lombardia che utilizza sonde in grado di monitorare l’umidità del terreno e di valutare le esigenze di irrigazione e limitando  così l’uso di acqua ai soli volumi e periodi necessari.
Mutti ha inoltre scelto di impegnarsi per la riduzione delle emissioni dirette di carbonio derivanti dalla propria attività produttiva,  incrementando l’utilizzo del  fotovoltaico  e delle biomasse, per raggiungere una maggiore efficienza energetica.

Simone Rugiati , sempre molto attento alla qualità delle materie prime, con  la Polpa di pomodoro Mutti ha tre piatti semplici ma molto bene  equilibrati, dove croccantezza e morbidezza, gusto dolce e acido si fondevano in un connubio  perfetto!

La serata è cominciata con un  Bloody Mary servito dentro le lattine di pomodoro, ed è proseguita con un un bis di antipasti, una parmigiana scomposta servita nel bicchiere, i  Gnocchetti alla puttanesca con carpaccio di baccalà marinato al limone e rosmarino, i Tentacoli di polpo arrostito su polpa di pomodoro Mutti allo zenzero e crumble di pane alle erbe, per chiudere con una creme brulèe .

Tutti piatti veloci, gustosi, ma soprattutto facili da poter preparare anche nelle nostre cucine…

Se hai problemi di intolleranza al nichel non è detto che non puoi mangiarlo, lo devi solo imparare a ruotare nei pasti. Io ad esempio lo mangio due volte al mese il sabato sera nella pizza!!!!!! Sapendo di dover partecipare a questo evento mi sono preparata e ho potuto assaggiare le prelibatezze della serata senza avere problemi di nessuna qualità.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *