Arachidi pralinate…. della serie una tira l’altra!!!!!

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo Totale
    40 Minuti
arachidi pralinate ridotta

della serie…..una tira l’altra!!!

Oggi vi parlerò di una ricetta di pasticceria tradizionale che vediamo sempre in occasione di feste o fiere nei nostri comuni. Le arachidi pralinate. Avete mai mai visto quelle tipiche bancarelle di dolci alla festa del paese o alle giostre con esposte queste delizie? Sì, sono proprio loro!

Certo che i bambini di oggi vengono più attratti dalle caramelle colorate e gommose, ma sono sicura che se le potessero confrontare solo per il sapore le preferirebbero certamente. Inoltre queste squisitezze sono cibi naturali fatti principalmente da arachidi pertanto ricchi elementi dalle proprietà benefiche.

Ma come si preparano le arachidi pralinate? Ovviamente avremo bisogno prima di tutto delle arachidi. I semi di arachide sono famosi in tutto il mondo, e prendono diversi nomi in base alle differenti culture. Comunemente chiamati anche spagnolettenoccioline americane o bagigi sono legumi molto usati in cucina sia sotto forma di olio, che come burro, ma anche interi, secchi e tostati.

Dal sapore gradevole e croccante solitamente vediamo le arachidi adornare le tavole di aperitivi tra snack di vario tipo, come patatine, tartine con salse varie. Ideali da accompagnare anche con della birra sono ottime da gustare durante una partita di calcio seduti con gli amici sul divano.

I semi di arachide vengono generalmente consumati dopo tostatura e una salatura in grado di amplificare il loro sapore. Sono inoltre ricchi di proteine e antiossidanti in grado di apportare importanti benefici alla salute.

L’ingrediente decisivo ed essenziale di questa ricetta è però certamente il caramello, un elemento fondamentale in pasticceria per la preparazione di molti dolci.

Preparare il caramello può trasformarsi in un’ esperienza sgradevole in quanto la procedura necessita di alcuni accorgimenti che solo chi è esperto conosce. Come spesso accade, anche in questo caso la tecnica fa la differenza e il saper dosare il fuoco diventa un’abilità che può decretarne il successo o il disastro. Quindi prestate molta attenzione in questa fase di caramellatura per cercare la cottura ideale, pochi secondi in più potrebbero portare risultati non previsti.

Ma che zucchero va usato? Diciamo che ci sono diverse soluzioni, le più comuni sono con lo zucchero bianco, o di canna, ma anche integrale o di cocco. Tutti questi zuccheri vanno bene per essere caramellati, pertanto sta a voi la scelta in base ai propri gusti. Io ho scelto quello di cocco

Non mi resta che fornirvi le indicazione necessarie per preparare questi dolci in grado di donare un po’ di allegria e novità ai momenti di intervallo e break.

Ingredienti per 4 persone

Ingredienti

  • 200 gr. arachidi non salate
  • 2 cucchiai zucchero di cocco
  • 1/2 bicchiere d'acqua

Procedimento

Preparazione

  1. In un pentolino versate lo zucchero  e l’acqua e a fuoco dolce fatelo caramellare girando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.  Appena lo zucchero  assume un bel colore biondo spegnete il fuoco e aggiungete le arachidi amalgamandole allo zucchero  con il cucchiaio di legno.

    Quando sono bene intrise di zucchero mettetele  su una teglia ricoperta di carta forno e aiutandovi con un cucchiaio distanziatele le une dall’altra.
    Lasciate solidificare il caramello per circa 20 minuti prima gustarle!

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *