Il Mercato del Duomo – una giornata nel nuovo food store meneghino

Cari amici l’argomento di cui voglio parlarvi in questo articolo riguarda Il Mercato del Duomo, luogo che dal 30 Aprile scorso, giorno della sua inaugurazione, viene considerato da molti come il nuovo tempio delle golosità milanesi.

Situato di fianco alla Galleria Vittorio Emanuele II nel cuore di Milano, questo  nuovo spazio  è dedicato a tutti coloro che vogliono vivere e riscoprire i sapori tipici del nostro territorio.

Ero già stata al Mercato del Duomo in occasione della sua presentazione e all’inaugurazione nei mesi precedenti ed è stata davvero un’esperienza stupefacente; qualche giorno fa ci  sono tornata nuovamente per un tuor guidato che mi ha dato modo di capire fino in fondo che realtà sono stati capaci di inventarsi.

Nato in concomitanza con Expo 2015, il Mercato del Duomo  è un progetto del gruppo Autogrill in collaborazione con l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, voluto  fortemente dal Comune di Milano e sviluppato dall’architetto Michele De Lucchi.

In questo grande spazio che si sviluppa  in un percorso  verticale su più piani , si susseguono angoli di ristorazione dedicati alle diverse esigenze alimentari di clienti di vario genere, dalle necessità e gusti più svariati, tipici di una città in movimento che è la caratteristica predominante della Milano di Expo 2015.

Appena varcata la soglia mi sono trovata in un cortile coperto, con delle scale mobili trasparenti che portano al cuore dell’edificio e fanno scorgere un imponente albero di ulivo in bronzo sospeso sopra le nostre teste. Si tratta di un’opera d’arte di forte impatto nata dal lavoro dell’artista britannico Adam Lowe, simbolo della nostra cultura mediterranea.

Al piano interrato rimane la storica libreria La Feltrinelli.  Al piano terra è possibile gustare un caffè presso il Caffè Motta. Salendo invece al primo piano mi sono ritrovata nell’atmosfera vivace de Il Mercato, un vero e proprio mercato al coperto  gestito da Compagnia Alimentare, luogo in cui  è possibile trovare prelibatezze di ogni genere e tradizione. Sicuramente di grande valore è stato lo scambio di informazioni che ho avuto con i venditori di questi banchi, sempre pronti  a farmi scoprire nuovi sapori ed estremamente  disponibili a darmi qualche consiglio utile e a offrire degustazioni per apprezzare pienamente tutto ciò che c’è dietro a quello che solo apparentemente è un prodotto. Chi vuole ammirare la movida milanese, si affaccia invece dalla Terrazza Aperol.  Vera sorpresa di questo piano è però l’Ovobar, ovvero un bar nel quale si può degustare uova, rigorosamente fresche, in tutte le ricette e preparazioni possibili!

Al secondo piano troviamo la parte della ristorazione tematica ,come ad esempio il corner con i cibi di strada o la pasta fresca, wine bar e bistrot self-service dove si possono collegare addirittura pc, tablet e quant’altro…

Infine al terzo piano c’è Spazio Milano, ristorante laboratorio dello chef stellato Niko Romito adatto a palati particolarmente esigenti.

Rimanendo in tema di palati alla ricerca di gusti sempre più coinvolgenti , mi potrete trovare per quattro lunedì del mese di Luglio, nello spazio dello Chef Giorgio Gramegna , chef di incommensurabile creatività che ha allargato il concetto di passione per il cibo creando piatti che vengono chiamati da lui stesso “food pornography”  per definire l’insieme di emozioni scaturite dopo il primo assaggio.

Attento a trasmettere con il cibo delle nozioni che non siano solamente tecniche, ma anche culturali e di interesse generale, come l’ importanza di  un’alimentazione sana e consapevole, sarò orgogliosa di essere presente con dei piccoli eventi legati alle intolleranze.

Le cose da vedere e  le esperienze da fare sono davvero per tutti i gusti, con un’apertura verso ogni esigenza alimentare; non mi resta quindi che invitarvi a farvi catturare da questo intreccio di sapori e tradizioni nel cuore della nostra amata Milano.

 

 

 

 

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *