Intolleranze Alimentari e Gruppo Sanguigno: c’è Correlazione?

Alcuni nutrizionisti e naturopati ritengono che la dieta alimentare dovrebbe essere tarata sulla base del proprio gruppo sanguigno, prediligendo alcuni alimenti ed evitandone altri. Il non seguire queste indicazioni porterebbe al manifestarsi di intolleranze, allergie, malesseri e malattie, anche gravi.Su questi presupposti è stata elaborata una dieta del gruppo sanguigno, detta anche emodieta.

Scopriamo in base a quali premesse viene proposta le dieta del gruppo sanguigno, e verifichiamo se c’è davvero una relazione tra intolleranze alimentari e gruppo sanguigno.

intolleranze-alimentari-gruppo-sanguigno

Ad ogni gruppo sanguigno il suo alimento

Ogni gruppo sanguigno ha alimenti che risultano per esso positivi (anticancro e antiossidanti), alimenti neutri e alimenti che risultano negativi e che possono causare disturbi e patologie. Descriviamo sinteticamente i vari tipi di gruppi sanguigni ed i cibi che dovrebbero preferire o evitare:

  • il Gruppo 0, è il più antico e discenderebbe dai nostri antenati cacciatori e raccoglitori. Essi si cibavano principalmente di carni, erbe spontanee e frutta, mentre non consumavano cereali. Il gruppo 0 sarebbe intollerante ai latticini e a gran parte dei cereali, mentre potrebbe consumare quasi tutti i tipi di carne e le uova. Da evitare il caffè.
  • il gruppo A, sarebbe nato quando l’uomo ha imparato a praticare la coltura della terra, dunque sarebbe il gruppo dei nostri antenati agricoltori. Meno resistente del gruppo 0, ha comunque bisogno di praticare una buona attività fisica. Questo gruppo tollera solo la carne bianca, da cui comunque non trae beneficio e dovrebbe avere un’alimentazione sostanzialmente vegetariana.
  • Il gruppo B tollera meglio i derivati del latte ad eccezione dei formaggi molto grassi e stagionati; può magiare sia molti tipi di carne e pesce che molti tipi di verdure. Gli appartenenti al gruppo sanguigno B, dunque possono mangiare un po’ di tutto, ma anche per loro ci sono alimenti consigliati, neutri e sconsigliati, come ad esempio i salumi.
  • Il gruppo AB è il più recente e il più raro dei gruppi: per l’emodieta può essere considerato il più fortunato visto che può spaziare tra tutte le categorie di alimenti (carne, pesce, cereali, verdure etc.) ma anch’esso dovrà distinguere tra cibi compatibili e non ( ad esempio può mangiare il tacchino ma non il pollo e la carne rossa). Oltre al thè e al vino rosso può consumare anche il caffè.

intolleranze-alimentari-gruppo-sanguigno

Intolleranze alimentari e gruppo sanguigno: la scienza dice…

Nonostante i suoi maggiori esponenti continuino a sostenerla, la gran parte della medicina sembrerebbe bocciare l’emodieta poiché priva di fondamento scientifico.

Le ragioni sono molteplici: tra le più importanti vi è ormai la consapevolezza che il rapporto del nostro organismo con il cibo è ben più complesso di una semplice correlazione con il gruppo sanguigno e dipende da molti fattori genetici ed ambientali.

Infatti uno dei tanti punti in cui le tesi dell’emodieta non reggono, vi è ad esempio la celiachia (la nota allergia al glutine) dovrebbe essere più presente nel gruppo 0, mentre in realtà si distribuisce omogeneamente tra i 4 gruppi; stesso discorso vale per l’intolleranza al lattosio che dovrebbe essere rara nei gruppi B e AB.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *