I have a dream… #molisecalling

Tempo di preparazione:

Si, è vero, ho un sogno  ed  è quello di tornare in Molise, perché questo pezzetto di terra, dalle tradizioni millenarie, mi è rimasto nel cuore. Non conoscevo il Molise terra, ancora vera, inesplorata e della quale si parla poco,  ma dopo avervi trascorso  quattro giorni durante il blog tour #Molisecalling mi sono innamorata  dal fascino davvero unico,

E’ una terra fatta di dolci colline e di montagne sulle quali la coltura della vite ha una lunga e millenaria tradizione tanto da essere considerata la coltura caratterizzante di questo territorio, solcato dai tratturi,  le antiche e maestose vie carovaniere utilizzate per lo spostamento delle greggi durante la transumanza.

Sulle colline di Ripamolisani sorge l’Azienda Agricola Vinica che produce Vini Tintilia, Merlot e Sauvignon tutti in purezza e che qui trovano la loro massima espressione.

L’Azienda agricola Vinica si estende su un territorio di circa 220 ettari ad una ’altitudine che varia da 500 a 750 metri slm., ed è inserita in un territorio variegato dalla forte presenza di specie autoctone.

Tra i vitigni autoctoni  che  l’Azienda agricola Vinica vanta  c’è la Tintilia un vitigno, che per le sue peculiarità è la perfetta sintesi ed espressione del territorio molisano.

Sembra che questo vitigno sia arrivato  nel Molise dalla Spagna nel Seicento per volontà  dei Borboni; questa tesi sembra essere  confermata  dal nome stesso del vitigno: l’etimologia di Tintilia deriverebbe da “tinto”, che in spagnolo significa rosso.

Legato alla storia ed alla civiltà contadina del Molise, la Tintilia Doc, un tipico cru  dell’area collinare della provincia di Campobasso, dove si crea, attraverso le tipicità del terreno, del clima e del vitigno, una esaltazione quasi unica di questo vino.

La Tintilia Doc, grazie  alla notevole carica di sostanze coloranti e tanniche dell’uva, trasmesse quasi integralmente al vino, assume un colore rosso intenso, quasi violaceo, anche da giovane. ed ha caratteristica di essere un vino morbido con sentori di spezie e di fiori.

Mi sono innamorata d questo vino e dell’azienda che lo produce, perché  l’amore per questa terra così generosa, che dà lavoro e nutrimento a chi la abita, viene si espresso con parole di gratitudine, ma soprattutto lo si legge negli sguardi di chi ha dato voce al territorio e questo è stato un po’ il filo conduttore di #MoliseCalling

Domani trovate la ricetta qui sul sito e un’altro sul sito del “La Molisana” organizzatrice perfetta di questo indimenticabiel blog tour  e avrete così modo di scoprire quelli che sono i prodotti molisani che mi sono rimasti nel cuore.

Ci vediamo domani!

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *