Crostata di Kaniwa o Cañihua con salsa di rabarbaro e prugne california

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    10 persone
  • Tempo di Preparazione
    3 Ore
  • Tempo di Cottura
    18 Minuti
  • Tempo Totale
    3 Ore 20 Minuti
Crostata di Kaniwa o Cañihua

La farina di Kaniwa è priva di glutine, l’ideale per chi, come me, ne è intollerante.

Buongiorno a tutti cari amici, oggi vi parlerò di una ricetta senza glutine gustosissima e salutare, capace di regalare un tocco di dolcezza in più alla vostra giornata.

La crostata di Kañiwa con salsa di rabarbaro bourbon e “Prugne California” è una chicca che scommetto non conoscevate.

Una ricetta di pasticceria molto particolare, decisamente originale e altrettanto gustosa, ma soprattutto ricca di ingredienti naturali e salutari come la farina di Kañiwa, il rabarbaro e le “Prugne California”.

Data la totale assenza di glutine nella farina di Kañiwa, che risulta molto simile alla Quinoa, questo dolce è consigliabile anche a chi come me, soffre di intolleranze alimentari.

Forse non tutti sanno che le prugne della California in realtà non sono delle prugne secche qualunque, bensì in quanto facenti parte del consorzio California Prune Board, esse rappresentano l’eccellenza della qualità e garantiscono incommensurabili benefici alla nostra salute consentendo un’alimentazione sana e salutare.

Infatti a tutela e salvaguardia di questo prodotto tipico è stato fondato il California Prune Board, che rappresenta 900 coltivatori e 26 confezionatori di prugne della California, una delle principali industrie agricole di qualità in tutto il mondo, la cui è di proteggere e sostenere la salute, la crescita e l’integrità del settore delle prugne della California.

Pesate che la California, contribuisce per ben il 99% in America e il 42% nel mondo alle forniture di prugne secche!
Ricche di vitamine, rame e manganese le prugne sono Naturalmente prive di grassi e zuccheri aggiunti,  ma nonostante ciò hanno un sapore incredibilmente dolce.

torta di prugne _7068E’ consigliabile mangiare abitualmente questi frutti in quanto sono ormai noti i poteri benefici che contengono.

Basti pensare che le Prugne California sono l’unico frutto intero secco ad aver ottenuto l’approvazione dalla Commissione Europea che ha addirittura confermato che mangiarne 100g al giorno contribuisce alla normale funzione intestinale, nell’ambito di una dieta e di uno stile di vita salutare ed equilibrato.

Grazie alla loro dolcezza le prugne secche anche sotto forma di purea possono essere utilizzate per sostituire burro o olio in prodotti da forno.

Utilizzare la purea di prugne negli impasti permette di sostituire fino alla metà dei grassi e a un quarto degli zuccheri nei preparati.

Disponibili tutto l’anno, poco costose e facili da portare con sé, le prugne secche, oltre a essere uno spuntino ideale in molte occasioni (a lavoro o durante lo studio, così come prima o durante l’attività sportiva), sono anche un versatile ingrediente alimentare, utilizzabile in ricette sia dolci che salate, che vanno dall’antipasto al dolce.

Viste tutte queste caratteristiche invitanti legate all’ingrediente principale di questa ricetta passo ad indicarvi l’occorrente per realizzare questa delizia studiata in collaborazione con Massimo Bonanomi

torta di prugne _7080

Ingredienti per 10 persone

Per la frolla

  • 50 gr farina di kaniwa
  • 50 gr. amido di riso
  • 100 gr. farina di riso
  • 40 gr. Stevia
  • 60 gr. uova
  • 20 gr. tuorlo
  • 70 gr. olio di semi di vinacciolo

Per la salsa al Rabarbaro

  • 250 gr. rabarbaro fresco
  • 250 gr. acqua
  • 100 gr. zucchero
  • mezza bacca di vaniglia
  • 10 gr. succo di limone

Per la crema pasticcera

  • 50 gr. latte di riso
  • 25 gr. tuorlo
  • 2 gr. amido di riso
  • 15 gr. zucchero
  • mezza bacca di vaniglia

per la decorazione

  • 20 prugne california

Procedimento

Preparazione della pasta frolla

  1. torta di prugne   e width= Mescolate in una terrina ampia le farine, gli zuccheri e le uova
  2. Aggiungete, continuando a mescolare, l'olio a filo fino a rendere l ‘impasto liscio e compatto e ponetelo in frigorifero a riposare per almeno 20 ore.

Preparazione della salsa

  1. tagliate a dadini il rabarbaro e cuocete a fuoco moderato in una casseruola con l’ acqua, lo zucchero e il limone.
  2. Lasciate cuocere fino a quando non si sarà ammorbidito e sarà asciugata l’ acqua in eccesso.
  3. A questo punto frullate con il mixer aggiungendo la vaniglia, svuotate il tutto in una bacinella e lasciate raffreddare.

Preparazione della crema

  1. Mescolate con una frusta in un pentolino il tuorlo, lo zucchero, l’ amido, la vaniglia, aggiungete il latte e fate cuocere fino a rendere la massa cremosa.
  2. Svuotate in una bacinella, coprite con pellicola trasparente a contatto e lasciate raffreddare.

Preparazione della crostata

  1. Prendete la frolla e stendetela all’ altezza di ½ cm, foderate una tortiera, bucate il fondo con una forchetta e fate cuocere in forno già caldo ad una temperatura di 185° per 18 minuti.
  2. Una volta fredda, toglietela dalla teglia, ponetela sopra un piatto e riempite il fondo con la salsa di rabarbaro.
  3. torta di prugne   e width= Adagiate le prugne lungo il bordo e con la crema pasticcera nel sac-a-poche tracciate delle righe a griglia, rifinite il centro con dei fiori a piacere.

Per presentarla al meglio, potete rifinire il centro con dei fiori come più vi piace.

Condividi!

9 commenti a “Crostata di Kaniwa o Cañihua con salsa di rabarbaro e prugne california

  1. marina

    Tiziana la farina di kaniwa non l’avevo mai sentita! In più darei non so cosa per trovare il rabarbaro fresco! Detto questo la tua crostata mi piace molto anzi, moltissimo! Spero di poterla provare!! un abbraccio

    1. Tiziana Autore articolo

      In effetti la farina di Kaniwa è un esperimento anche per me. Ne ho sentito parlare e ho voluto provare ad usarla visto che è senza glutine. Poi ho avuto la fortuna che uno chef amico è andato in Sud America e mi ha fatto questo splendido regalo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *