Lo “Chef d’Autore,” Marco Di Lorenzi, ospite de “la salute vien mangiando”

Un’altra puntata de “la salute vien mangiando” e ancora un grande chef ospite lunedì prossimo alle 19.20 su Odeon. Prosegue con grande successo la trasmissione paladina della salute e della buona cucina.

“Prima il gusto e poi l’estetica” è il motto dello chef protagonista della prossima puntata de la salute vien mangiando, Marco Di Lorenzi. Su questo motto, nato dall’esperienza fatta con un maestro della cucina Sergio Mei, ha basato tutta la sua carriera, fatta esclusivamente di passione per la cucina.

Al centro del suo modo di cucinare c’è, dunque, il gusto. Tuttavia, Marco, grazie anche ai progetti svolti con me e al suo coinvolgimento nella stesura delle ricette per i miei libri, dopo il gusto e l’estetica, posso dire, che l’importanza la pone sulla salute, e il meraviglioso piatto che lunedì ci preparerà è la dimostrazione lampante, vedrete! D’altronde da sempre i suoi piatti rincorrono la leggerezza, infatti, preferisce utilizzare il pesce e le verdure, anziché la carne, che più facilmente permettono di creare gustose ricette senza esagerare con calorie e grassi.

Marco Di Lorenzi mette le basi per diventare un grande chef all’Istituto alberghiero. Appena dopo il diploma vince un importante concorso scolastico e inizia a lavorare con il primo dei suoi maestri, Fabio Ridolfi, chef del ristorante “Lo scudiero”, dal quale impara molti segreti in cucina. Dallo storico quanto rinomato ristorante pesarese, si sposta ai piedi della Madonnina, al Four Season Hotel di Milano, dove incontra il suo secondo Maestro, il già citato Sergio Mei, era il 1998.

Da lì è un susseguirsi di premi e riconoscimenti. Nel 2005 vince il Primo Premio alla Snack Competition, a Singapore, con un panino speziato chiamato Philosophy. Nel 2006 dopo essere entrato nel Team Italia dell’Associazione professionale cuochi italiani, vince il primo posto assoluto all’International Kremlin Culinary Cup di Mosca. Nello stesso anno diventa responsabile di cucina per il Diplomat Palace Hotel di Rimini.

Maturando esperienza e vincendo prestigiosi premi lo chef oggi afferma sul suo sito personale che “La cucina è una questione di creatività e tradizione sapientemente mescolate”. Una frase semplice che in realtà nasconde un concetto importante: la cucina, in quest’ottica, è una vera espressione artistica.

Sarà per questa sua visione filosofica che nel 2011 vince il Premio chef d’Autore con un dessert (la pasticceria è la sua grande passione) dal titolo sinfonia di cioccolato “Un dessert molto cromatico, bello esteticamente e buono al palato, con una mousse al cioccolato bianco e vaniglia con cremoso al fondente e gianduia”, come lui stesso lo descrive.

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *