Il Veneto: la regione ospite di Identità Golose 2015

Tempo di preparazione:

Il Veneto è stato  la Regione ospite dell’undicesima edizione di Identità Golose 2015, il  congresso internazionale di cucina e pasticceria d’autore, che si è svolto  al MiCo di Milano da  domenica 8 febbraio a martedì 10 febbraio  scorsi, il cui tema era  una “Sana Intelligenza, a tavola senza rinunciare ai piaceri della gola”.

In questa manifestazione il Veneto non poteva mancare,  e si è presentato portando con se tutta l ’arte della buona cucina,  fatta dalle materie prime di eccellenza,  dalla qualità dei suoi prodotti, e dalla creatività  nella elaborazione dei piatti, e del buon bere.

Di questa terra che si estende dalle Dolomiti all’Adriatico, e dal Lago di  Garda alle foci del Po, sono stati messi i risalto soprattutto i formaggi  e i vini.

Una delle tante eccellenza venete presenti a Identità Golose é stato  il Consorzio Asiago, che con Gorgonzola, Mozzarella di Bufala Campana e Pecorino Sardo DOP, fa parte del Consorzio Grandi Formaggi DOP.

Tre le varietà di Asiago riconosciute dal Consorzio:  Asiago DOP fresco  o pressato, un formaggio  dal gusto giovane e dal sapore di latte appena munto, una nota dolce e lievemente acidula, l’Asiago DOP  stagionato o d’allevo, dal gusto saporito e  dalla personalità decisa fatta di notevoli note aromatiche, e l’Asiago DOP Prodotto della Montagna,  tradizionale dell’Altopiano di Asiago, dal profumo fresco, latteo, lievemente fiorito, dal sapore dolce e gradevole.

Numerosi altri consorzi hanno preso  parte alla manifestazione tra cui l’ Associazione Regionale Produttori Latte, Consorzi di Tutela del Bardolino DOC,  del Formaggio Monte Veronese DOP; del Custoza DOC, del Formaggio Piave DOP, del Radicchio Rosso di Treviso IGP e Variegato di Castelfranco IGP; dell’Insalata di Lusia IGP, dell’Aglio Bianco Polesano DOP e del Radicchio Rosso di Chioggia IGP., ma sono state numerose anche le aziende  che hanno fatto sfoggio delle varietà e dell’ originalità di produzioni e di tradizioni, eccellenti interpreti dell’enogastronomia veneta.

In cattedra martedì 10 nella Sala Auditorium  c’erano  lo chef di origine vicentine  Carlo Cracco che ha tenuto una magistrale lezione sul ricordo del broccolo “fiolaro di Creazzo”,  e  lo chef stellato  Lorenzo Cogo che con Fabrizio Nonis che  hanno tenuto una  lezione intitolata “Istruzioni d’uso per il benessere dopo cena”.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *