Focaccia pugliese

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo di Preparazione
    3 Ore 50 Minuti
  • Tempo di Cottura
    45 Minuti
  • Tempo Totale
    4 Ore 30 Minuti
focaccia alla pugliese ridotta

Questa focaccia pugliese è un’ottima merenda

La focaccia pugliese può essere di Bari, di Altamura, di Barletta e di ogni città di questa bella regione, perché ogni paese e, addirittura, ogni famiglia ne rivendica la ricetta autentica.

Essendo un prodotto della tradizione, la ricetta, tramandata di generazione in generazione, presenta numerose varianti, per lo più su base geografica.

Nella sua versione più tipica, la base della focaccia si ottiene amalgamando la semola rimacinata, con le  patate lesse, il sale, il lievito e tanta acqua tanta ne basta per  ottenere un impasto piuttosto elastico, molle ma non appiccicoso, che viene lasciato lievitare, steso in una teglia tonda unta con molto olio extravergine d’oliva, quindi lasciato lievitare di nuovo, condito e cotto, preferibilmente in forno a legna.

Le prime focacce furono preparate dai Fenici, che le facevano impastando miglio ed orzo con acqua e sale, e le cuocevano con una ricca quantità di grasso.

Il nome “Focaccia” deriva da “focus”, parola latina che stava ad indicare il fuoco, perchè la focaccia veniva cotta sul fuoco.

Erano talmente tanto buone che le focacce venivano offerte agli Dei, come simbolo di ricchezza e prosperità, e abbondavano nei banchetti di matrimonio nel  periodo Rinascimentale.

In Puglia, dove il clima è  più caldo e mite, nella preparazione della focaccia si utilizza l’olio extra vergine d’oliva, che la rende  un piatto più salutare.

Le particolarità della focaccia pugliese sono è l’uso di patate bollite nell’impasto, che la rendono più soffice e le conferiscono anche un gusto particolare e  la presenza di pomodorini, che vengono messi sulla focaccia rendendola più colorata e molto bella da vedere, e le donano un gradevole contrasto di sapore con la loro acidità.

L’inconfondibile odore e il profumo di questa specialità tutta pugliese si diffonde nelle vie e nei vicoli dove si trovano i tanti panifici e i punti vendita di Bari Vecchia e del  territorio circostante e di tutta la Regione , inebriando le persone.

La tradizione vuole che  la cottura della focaccia avvenga in forni a legna e questa usanza vige ancora nelle strade di Bari Vecchia, dove è possibile. Nel borgo antico, infatti, è possibile ritrovare ancora botteghe antiche dallo stile medievale gestite da intere generazioni che della passione per la focaccia ne hanno fatto un lavoro.

E’ la merenda preferita da bambini e ragazzini pugliesi e dai tanti turisti  che la eleggono  a alimento tipico da consumare in tutte le stagioni anche sotto le elevate temperature estive.

Ingredienti per 4 persone

  • 500 gr di semola rimacinata
  • 2 patate medie
  • 300 gr di acqua tiepida
  • 1 cubetto di lievito di birra
  • 6 cucchiai di olio d'oliva extravergine
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 e 1/2 cucchiani di sale
  • q.b. pomodorini
  • q.b. origano

Procedimento

  1. Lessate le patate con la buccia e passatele allo schiacciapatate
  2. In una tazza sciogliete il lievito in 150 ml di acqua tiepida. e in un altra tazza nei restanti i 150 ml d'acqua fate sciogliere il sale.
  3. Su di una spianatoio versate la semola rimacinata a fontana, aggiungete lo zucchero; versate nell'impasto nche l'acqua con il sale e cominciate a mescolate, poi aggiungete quella con il lievito sempre mescolando
  4. All'impasto aggiungete le patate schiacciate e impastate con cura, aggiungendo se necessario ancora un po d'acqua e lavorate fino ad ottenere un impasto uniforme,
  5. Mettete l'impasto in una ciotola unta d'olio, copritelo con un canovaccio e lasciate lievitare per un paio d'ore.
  6. Ungete abbondantemente con l'olio una teglia antiaderente e mettetevi l'impasto.
    Fatelo lievitare ancora per un ora e mezza poi condite la focaccia con sale grosso. pomodorini e origano e una spennellata d'olio.
  7. Cuocetela in forno già caldo a 220° fino a doratura

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *