Crostata con confettura di fragoline di Ribera

Tempo di preparazione:

Le fragoline di Ribera sono un frutto di bosco che cresce spontaneamente in Sicilia nelle macchie  sulle pendici del massiccio della Madonia, sui Monti Nebrodi e sull’Etna. In provincia di Agrigento nei comuni di Ribera, Sciacca, Caltabellotta, Menfi, le fragoline di Ribera vengono coltivate

Le piantine selvatiche provenienti dalle Alpi pare siano state portate in Sicilia dai reduci di ritorno dalla Grande Guerra che le  raccolsero nel sottobosco in Friuli o in Trentino, e le reimpiantarono nei fertili terreni siciliani, dove si ambientarono e diedero origine ad un ecotipo locale.

Nella farmacopea tradizionale le foglie e le radici essiccate sono utilizzate  per la preparazione di tisane dall’effetto depurante e antidiuretico. La sua coltivazione è molto difficoltosa e sono pochi gli agricoltori locali che la effettuano.

Fragoline di Ribera: piccolo gioiello siciliano

Per la fragolina di Ribera e Sciacca è  stato istituito un Presidio Slow Food, sostenuto dalla Regione Siciliana Assessorato Agricoltura e Foreste, dal Comune di Sciacca e dal Comune di Ribera, al fine di far conoscere, anche grazie a gelati e confetture, questa fragolina delicata e profumatissima.

La confettura prodotta con le Fragoline di Ribera  e Sciacca, coltivate ai piedi di limoni, aranci e raccolte a mano ha un sapore molto delicato e un profumo inebriante.

Dal  colore molto intenso e il profumo inebriante, le fragoline selvatiche  di Ribeira e Sciacca  deperiscono molto rapidamente, tanto da devono essere consumate entro 24/48 ore dalla raccolta, e conservate  al fresco in appositi cestini ricoperti dalle foglie, e non in frigorifero perché se ne alterano i profumi.

Quelle coltivate in serra , solitamente hanno colore rosso chiaro, la forma a punta, profumi poco netti e, hanno una durevolezza maggiore.

I dessert che possiamo preparare in casa sono innumerevoli ed alcuni vengono tramandati nel tempo da nonna a figlia. Fra i dolci tradizionali piu conosciuti e rifatti troviamo la mitica ciambella,  lo strudel, e il tiramisù,.

Nel tempo sono state studiate ricette per tutti gusti e gli ingredienti che vengono utilizzati modificati al fine di accontentare i gusti e le intolleranze di tutti.  Tra questi troviamo la crostata, un dessert che piace a tutti e che possiamo farcire con crema pasticcera o con frutta fresca . Caratterizzata da numerose striscioline di pasta frolla, la crostata è adatta ad ogni occasione.

La crostata è senza dubbio uno dei dolci più conosciuti ed è adatta ad ogni occasione, va bene una fetta a colazione ma è anche protagonista di  merende mattutine e/o  pomeridiane, è uno dei dessert di fine pasto tra i più famosi, sin dai tempi delle nostre nonne.

Ingredienti per la frolla:

  • 180 g di farina di quinoa
  • 75 g di amido di riso
  • 120 g di zucchero
  • 80 g di uova
  • 80 ml di olio di vinacciolo
  • buccia di ½ limone

per la marmellata di fragoline di ribera

  • 12 limoni non trattati
  • 200 gr di acqua
  • q.b. zucchero di canna bianco
  • q.b. zenzero tritato

Preparazione della marmellata di fragoline di ribera

Sbucciate sottilmente i limoni e tagliate la buccia a striscioline.

Sbollentate le bucce di limone in un pentolino con poca acqua bollente e lasciatele bollire per circa un minuto.

Spremete i limoni con lo spremiagrumi, filtrate il succo con un colino, pesatelo e mettetelo in una pentola aggiungendo lo zucchero in quantità pari a quella del peso uguale del succo di limone.

Tritate finemente e scorse di limone ben scolate e aggiungetele al succo di limone.

Lasciate cuocere la marmellata, a fuoco lento per circa 40 minuti, dal momento del primo bollore. Per vedere se ha raggiunto la giusta consistenza fate la prova facendone cadere una goccia su di un piattino: se si rapprende in breve tempo è pronta, altrimenti fatela cuocere ancora.

Quando la marmellata è pronta aggiungete lo zenzero tritato e invasatela quando è ancora bollente.

Preparazione della pasta frolla

Disponete la farina a fontana sulla spianatoia. Lavorate con le mani sabbiando il burro con la farina, gli aromi e il sale, quindi unire le uova a filo e lo zucchero.

Impastate piuttosto rapidamente, quanto ba¬sta per amalgamare gli ingredienti.

Formate una palla, avvolgetela in un canovaccio e la¬sciatela riposare, nella parte più bassa del frigorifero, per almeno un paio d’ore.

Al momento di utilizzare la pasta stendetela rapidamente, ottenendo anche pezzi irregolari, che si saldano bene durante la cottura: se lavorata troppo a lungo la pasta frolla può sbriciolarsi.

Preparazione della crostata

Stendete la pasta rapidamente a mezzo centimetro di spessore, e utilizzatela per foderare una teglia, leggermente imburrata,

Con il rimanente impasto della paste frolla tagliate delle decorazioni che adagerete sula farcitura.

Coprite la pasta frolla con un foglio di carta forno e versate tanti fagioli secchi da riempire completamente lo stampo e infornate a 180°C per circa 25 minuti.

Estraete la crostata dal forno, ricoprite la superficie con la marmellata di limone e zenzero, e rimettetela in forno° per altri circa 20 minuti

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *