Tartare di branzino con avocado

Tempo di preparazione:

Come fare a pulire e a sfilettare il branzino e i pesci a lui simili?

Innanzitutto se non disponete degli appositi attrezzi per pulire il pesce quali: il coltello sfiletta pesce dalla  lama molto flessibile e affilata,  le  forbici da cucina e lo “squamatore, l’  attrezzo che permette di  togliere facilmente  le squame del pesce utilizzate un coltello da cucina dalla lama bene affilata per non rovinare le carni durante la sfilettatura.

La prima operazione da compiere è l’evisceratura del pesce: lo si appoggia su di un tagliere,  con le forbici si pratica un taglio verticale che dal ventre arriva  dritto fino sotto la testa  e con le mani si eliminano le interiora.

Si eliminano quindi le pinne: quella dorsale, quelle laterali e quella caudale.

Con lo squamatore passato più volte dalla coda alla testa  o con la lama di un coltello  squamate accuratamente il branzino,  evitando di spargere le squame, lavatelo sia dentro che fuori  sotto l’acqua corrente, poi mettetelo nuovamente  sul tagliere, e con il coltello sfiletta pesce eliminate le branchie e la testa.

Ora incidete la coda e partendo dall’alto incidete la parte dorsale del pesce,  lungo la colonna vertebrale, muovendo la lama in senso orizzontale rispetto al piano di lavoro e  otterrete così il primo filetto.

Staccando la carne dalla lisca centrale, procedendo allo modo ricaverete il secondo filetto.

Ora aiutandovi con il coltello togliete la pelle ai filetti di branzino e con l’ausilio di una pinzetta eliminate le eventuali spine rimaste.

Il gioco è fatto: i filetti di branzino sono pronti per essere utilizzati!

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 branzini freschissimi
  • 1 avocado
  • succo di arancia
  • 2 cucchiai di maionese (vedi link)
  • semi di sesamo (non per gli intolleranti al nichel)

Procedimento:

Pulite e sfilettate i branzini   secondo le istruzioni sopra riportate e tagliatelo a pezzetti  non troppo piccoli.

Mettetelo in una ciotola,  e aggiungete l’avocado, anch’esso tagliato a pezzetti non troppo piccoli, aggiungete la maionese e il succo di arancia

Mescolate delicatamente e servite la tartare  nelle  ciotoline individuali decorandola con fettine di avocado.

A chi non ha problemi di intolleranza al nichel è possibile una spolverata di semi di sesamo.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *