Crostata di quinoa con confettura di mirto

Tempo di preparazione:

Nel nostro mini-tour del Canavese ci siamo fermati dall‘Azienda Agricola La Masera di Settimo Rottaro.  Non ero mai stata in un’azienda vinicola percui è stato davvero interessante sentir parlare il sig. Alessandro Comotto che mi ha dato moltissime notizie interessanti sui vini che produce. Mi hanno colpito il Caluso Passito DOC e il Canavese Rosato Spumante “Bolle” – Metodo Classico. Chi mi segue sa benissimo che io non me ne intendo di vini e solitamente quando me lo fanno assaggiare il primo senso che utilizzo è il profumo che rilascia. Se questo mi attrae per me è promosso!!!!!!!

La Masera nasce nel 2005 da un gruppo di amici intenzionati a far rivivere il mito della bontà dell’Erbaluce Passito, che si narra nato proprio dalle mani sapienti dei contadini rottaresi. L’azienda conta oggi una superficie vitata di circa 32.000 mq., con impianti a pergola ed a filari compresi nella delimitazione per la Denominazione di Origine Controllata sia dell’Erbaluce di Caluso che del Canavese Rosso, e vinifica in proprio in una cantina professionale ubicata nel Comune di Piverone (TO). I vitigni trattati sono: erbaluce, barbera, freisa, vespolina, neretto, nebbiolo. Il vino maggiormente prodotto è l’autoctono Erbaluce; vi è poi il Canavese Rosato e tre rossi – Barbera, Nebbiolo e Canavese Rosso. La produzione di maggior pregio riguarda il Passito e lo Spumante Erbaluce ed il Rosato Spumante.

Questo Caluso Passito DOC ha un colore giallo paglierino brillante con lievi riflessi dorati e tendenti all’ambrato con l’invecchiamento. Non solo ha un profumo ampio, intenso, etereo, di grande complessità e con evidenti sentori di frutta secca, frutta sciroppata, note dolci e lievi sfumature tostate e il gusto è dolce, pieno, armonico ed avvolgente, di buona struttura e persistenza, con lieve retrogusto finale mandorlato 

Ho acquistato delle bottiglie di entrambi i vini che mi sono piaciuti e il Passito me lo sono gustato con questa torta, e lasciatemelo dire “straordinariamente ottima”, fatta dal mio maritino. Ha abbinato questa confettura di mirto fatta l’inverno scorso ma potete abbinare qualsiasi marmellata avete in dispensa.

Ingredienti per confettura (circa 4 vasetti da 250 ml)

  • 1 kg di bacche di mirto
  • 350 g. di zucchero di canna
  • 1 mela cotogna
  • 1 bicchiere d’acqua

Ingredienti per la frolla

  • 600 g. di farina di quinoa
  • 200 g. di ricotta delattosata
  • 200 g. di zucchero di canna bianco
  • 3 uova + 1 tuorlo
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • sale q.b

Preparazione della confettura

Lavate e asciugate le bacche. Pulite la mela,non sbucciatela, tagliatela a metà  e togliete il torsolo. Tagliatela a pezzetti. In una pentola con l’acqua mettete a cuocere i pezetti di mela. Quando la mela è molto tenera, aggiungete le bacche di mirto.

Lasciate cuocere un 20 minuti e poi aggiungete lo zucchero.  Fate cuocete fino a quando vi sembra solida al punto giusto e fate la solita  prova del piattino, mettete una goccia di marmellata su di un piattino, se non scivola vuol dire che  è pronta.

Versatela nei barattoli  sterilizzati e asciutti, chiudete e capovolgeteli a testa in giu e lasciateli raffreddare così.

Conservateli in un luogo fresco e buio e lasciate passare un paio di mesi prima di consumarla. Se aprite il barattolo e non lo utilizzate tutto, mettetelo in frigo e copritelo con un goccio di liquore al mirto.

Preparazione della frolla

Disponete le farina a fontana sulla spianatoia. Lavorate con le mani sabbiando la ricotta  con la farina, il bicarbonato e il sale, quindi unire le uova a filo e lo zucchero. Impastate piuttosto rapidamente, quanto ba­sta per amalgamare gli ingredienti.

Formate una palla, avvolgetela in un canovaccio e la­sciatela riposare, nella parte più bassa del fri­gorifero, per almeno un paio d’ore.

Stendete l’impasto con il mattarello fino ad uno spessore di circa 1/2 cm ed adagiatelo in una tortiera ricoperta con della carta da forno bagnata e strizzata in modo che aderisca perfettamente, Foderate la teglia con ⅔ dell’impasto di pasta frolla. Con il rimanente impasto della paste frolla fate delle striscioline che copriranno tutta la farcitura.

Coprite la pasta frolla con la confettura e sopra adagiatevi le strisce di pasta frolla  e cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 35/40 minuti. Potete variare le decorazione con stelle, cuori, etc

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *