Latte d’orzo, se siete raffreddati potrebbe darvi sollievo

Il latte che si ottiene dall’orzo, oltre ad avere un sapore molto buono, è ricco di proprietà che aiutano il nostro organismo a difenderci da alcuni disturbi. Fatevi un bel bicchiere di latte d’orzo, ad esempio, se siete raffreddati, potrebbe darvi sollievo. Oppure bevetelo, se dovete lottare contro il colesterolo cattivo, diventerà un prezioso alleato.

Alcuni studi hanno dimostrato, infatti, come l’orzo, così come il latte da esso ricavato, aiuti ad abbassare il livello di colesterolo nel sangue. Questo perché, le fibre alimentari dell’orzo sono ricche di Beta Glucani, elementi naturali che aiutano ad abbassare la colesterolemia. Una qualità davvero importante che condivide con un altro latte vegetale che si ottiene da un cereale, il latte d’avena.

All’orzo sono riconosciute, poi, capacità antinfiammatorie ed emollienti. In caso d’infiammazioni al sistema respiratorio il latte d’orzo aiuta ad alleviare i disturbi. Non a caso, alcune caramelle contro il mal di gola sono a base d’orzo. È utile anche nel caso in cui l’infiammazione interessi, l’apparato gastro-intestinale e urinario. Infatti, può essere consumato anche da chi soffre di coliti, gastriti o, in generale, da chi soffre di cattiva digestione.

Bevete latte d’orzo per stimolare corpo e mente! Sì, perché, nel latte d’orzo sono contenuti molti Sali minerali tra cui magnesio, potassio, fosforo, calcio e ferro che lo rendono un buon integratore adatto non solo dopo un’attività sportiva intensa, ma, grazie soprattutto alla presenza di fosforo, anche per stimolare la concentrazione e l’attività mentale.

Insomma, il latte d’orzo fa bene a tutti, anche a chi soffre di diabete di tipo 2! Il basso indice glicemico lo rende un alimento sicuro, perché non incide sull’aumento dei livelli di zuccheri nel sangue. Inoltre, come alcuni studi hanno dimostrato, il consumo d’orzo può farli anche diminuire. Come fanno è abbastanza semplice: l’orzo, così come altri cereali integrali, è ricco di magnesio che serve a far lavorare più di 300 enzimi, tra cui quelli che utilizzano il glucosio e producono insulina.

Quindi, chi soffre di diabete può consumare tranquillamente il latte d’orzo, purtroppo, però, non è una bevanda altrettanto sicura per le persone celiache, perché contiene glutine.

Se il latte d’orzo vi ha convinto e volete acquistarlo dovrete andare nei negozi specializzati oppure prepararlo a casa, perché il latte che si ricava dall’orzo non è una bevanda così diffusa come altri tipi di bevande a base d’orzo; come ad esempio la birra, che si ottiene dopo che l’orzo è stato trasformato in malto. Altrettanto famoso è il caffè d’orzo, consumato principalmente nel nostro Paese e diffuso durante il fascismo, quando, per via dell’embargo, il caffè non poteva essere importato.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *