Latte di riso, bevanda con basso contenuto di proteine

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (Ancora nessun voto)
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 persone
  • Tempo Totale
    50 Minuti
latte di risoChiaraZoppei

Le persone che soffrono di diabete che devono limitare di consumare il latte di riso

Se, purtroppo, vi siete accorti che, non solo il lattosio, ma anche, noci e soia, vi creano problemi di allergia o intolleranza, allora vi consiglio di provare ad assumere il latte di riso, ben tollerato anche da chi non può bere né il latte vaccino, né il latte di soia e, neanche, quello di mandorla o frutta secca in genere come me che soffro con il nichel…

Il latte di riso è una bevanda ottenuta tramite macerazione. I chicchi di riso sono fatti macerare in acqua per alcune ore e, poi, pressati. Per ultimo il liquido ottenuto è filtrato per ottenere una bevanda dalla consistenza e dal colore il più simile possibile al latte. Lo trovate abbastanza facilmente nei grossi supermercati, nei negozi che vendono prodotti biologici e anche on-line.

Molto spesso è arricchito artificialmente con vitamina B12, calcio, ferro e vitamina D. Sostanze nutritive di cui il latte di riso, come vedremo, sfortunatamente, è privo. Per chi, poi, non si accontenta del suo sapore naturale, per molti particolarmente buono, può aggiungere del cacao, del cioccolato oppure della vaniglia.

Perché scegliere il latte di riso tra le diverse proposte di latte vegetale?

Come già accennato, il latte ottenuto dal riso, è indicato per le persone che soffrono contemporaneamente di intolleranza al lattosio, e di disturbi legati al consumo di mandorle, o noci, e di soia. Il latte di riso è poi la scelta migliore in caso si voglia sostituire il latte di mucca per ragioni di peso; infatti, è il migliore in termini di basso contenuto di grasso, solo un grammo per tazza.

Se cercate una bevanda dal basso contenuto di proteine, ma se la soia non la tollerate, provate il latte di riso, perché ne contengono quasi la stessa quantità. Altra caratteristica che differenzia positivamente il latte di riso da tutti gli altri, è l’alta concentrazione di antiossidanti. Le quantità di magnesio e di selenio sono tra le più alte.

Il latte di riso ha molte altri vantaggi, in comune con le altre tipologie di latte che abbiamo visto, rispetto al latte vaccino. Tra queste, l’assenza di colesterolo, è forse la più importante. Inoltre, possiede pochissimi grassi saturi e, invece, moltissimi acidi grassi polinsaturi. Come le altre bevande, è consigliata agli sportivi: energetica, grazie alla presenza di zuccheri semplici, facile da digerire, perché contiene pochissime proteine, e dietetica.

Ma il latte di riso non è perfetto. Oltre ad essere privo di vitamina B12 e vitamina D, la concentrazione di calcio è scarsissima, se paragonata sia al latte vegetale sia al latte di origine animale.

Infine, vi lascio una raccomandazione, perché, come spesso capita, gli alimenti che fanno bene a una categoria di persone, potrebbero fare male ad altri. Nel caso del latte di riso, sono le persone che soffrono di diabete che devono limitare di consumarlo. L’elevata quantità di carboidrati semplici può, infatti, causare un sovraccarico di zuccheri nel sangue.

E’una bevanda che va bene per gli intolleranti al glutine, al nichel e al lattosio. Se non avete tempo o voglia di farlo vi consiglio il latte di riso Granarolo

latte di riso granarolo

Ingredienti per 4 persone

  • 1 bicchiere riso
  • 10 bicchieri d'acqua

Procedimento

  1. Fate bollire in una pentola un bicchiere di riso e 10 bicchieri di acqua per 40 minuti
    Frullate tutto fino a ridurre il riso in poltiglia
    Filtrate con un colino a trama fine
    Versate il latte ottenuto in una bottiglia di vetro e conservate per non più di 3 giorni in frigorifero

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *