Nasello con puntarelle e pomodorini

Le conoscete le puntarelle?Io le ho scoperte da poco grazie allo chef Carlo Molon e devo ammettere che mi piacciono molto e mi spiace di non averle conosciute prima…

Le puntarelle sono i germogli che la catalogna spigata, una cicoria dalle foglie strette e dentellate, racchiude nel cuore del cespo.

Apprezzate  fin dall’antichità per le loro virtù disintossicanti utili a stimolare le funzioni epatiche sono presenti nei mercati in autunno e inverno.

Dal punto di vista nutrizionale c’è da segnalare che sono povere di calorie ma ricche di fibre e sali minerali (calcio, ferro e fosforo), elementi preziosi che rimangono inalterati quando si consumano crude.

Le puntarelle si puliscono eliminando le foglie più dure e conservate solo le parti più chiare e tenere.

Si mangiano crude,  tagliate in strisce lunghe e sottili da immergere in acqua fredda per fargli assumere la caratteristica arricciatura, condite con olio, aglio e acciughe  come vuole la tradizione de le “puntarelle alla romana”; è  così che si apprezza maggiormente  il loro sapore leggermente amarognolo, ma molto gradevole e la consistenza tenera, ma croccante,  oppure possono essere lessate, o saltate in padella.

Oggi Paolo, il mio piccolo chef, si è messo in cucina ed è riuscito a preparare questo magnifico piatto leggero e nutriente, adatto anche a me, intollerante al lattosio,  dove le puntarelle la fanno da protagoniste…

Ingredienti:

  • 4 filetti di nasello
  • 6 pomodorini di Pachino
  • 6 puntarelle
  • 1 spicchio d’aglio
  • 2 filetti di acciughe sott’olio
  • olio extravergine di oliva
  • sale q.b.

Preparazione:

In una padella fate soffriggere nell’ olio lo spicchio d’aglio schiacciato e i filetti di acciughe sminuzzati. Quando le acciughe sono sciolte aggiungete i pomodorini tagliata metà e fateli insaporire per qualche minuto e mettete nella padella i filetti di nasello coprite con un coperchio e continuate la cottura per circa 15 minuti. Trascorso questo tempo mettete nella padella le puntarelle tagliate in strisce lunghe e sottili che avrete  iimmerso in acqua fredda per fargli assumere la caratteristica arricciatura, fatele insaporire per 5 minuti, se necessario regolate di sale, e servite subito.

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *