Quando si parla di glutine, non è più solo celiachia, ma anche “Gluten Sensitivity”

Mercoledì 15 Aprile dalle 10 alle 19, presso la Gluten Free Home di Milano,- Appartamento Lago- in via Brera 30 si è svolta una open day  per presentare ” 20/23 Maggio Settimana delle Intolleranze al glutine”. Quando si parla di glutine, non si intende più solo celiachia, ma anche di “Gluten Sensitivity”

Benché la celiachia e la sensibilità al glutine sono scatenate dal glutine e hanno gli stessi sintomi sono ben distinte:  la prima, però, è una malattia autoimmune, la seconda  manifesta gli stessi sintomi della celiachia (colon irritabile con nausea, vomito, gonfiore, dolori addominali bruciori allo  stomaco, emicrania, stanchezza,  offuscamento della memoria, depressione ecc…)  che colpisce le persone sane che non manifestano i danni causati della celiachia.

Chi è sensibile al glutine deve seguire lo stesso regime dietetico dei celiaci: quindi deve eliminare il glutine dalla propria dieta e già dopo pochi giorni avvertirà un miglioramento dei sintomi che andranno man mano scomparendo in quanto si normalizza la mucosa intestinale consentendo così  un regolare assorbimento dei principi nutritivi.

Durante l’evento erano presenti, per tutta la giornata, la Dr.ssa Letizia Saturni, specialista in scienza dell’Alimentazione ed esperta di celiachia e di disordine glutine correlati e il Dr. Carlo Catassi docente di Gastroenterologia Pediatrica all’Università Politecnica delle Marche che hanno risposto, in modo esaustivo,  alle domande poste dalle persone presenti e interessate al problema. All’ora di pranzo c’era anche il Dr. Luca Elli, responsabile del centro prevenzione della celiachia, del Policlinico di Milano che haofferto consulenze personalizzate.

Nel pomeriggio alle 16, lo chef Diego Bongiovanni, ha presenziato uno show cooking gleten free durante il quale, con la sua bravura, la sua simpatia e i suoi “insoliti” attrezzi da cucina ha proposto una serie di finger food.

Gli insoliti attrezza che ha utilizzato sono stati: una piastra per capelli per cuocere degli spiedini di gamberi, l’asciugacapelli per sciogliere il cioccolato che servica per ricoprire palline di pane, burro e marmellata e la caffettiera per preparare il brodo espresso J

Il brodo espresso è veloce, delizioso e leggero: Diego ha offerto la possibilità di degustare quello della tradizione preparato con carota, sedano, cipolla, tocchetti di petto di pollo posti nel filtro della caffettiera e al primo gorgoglio il pubblico era estasiato dal suo profumo!!!

Quando si dice genio, si dice tutto: la dimostrazione di questo show cooking è che si può cucinare gluten free con semplicità preparando piatti colorati, invitanti e allegri.

Cosa c’è di meglio che l’allegria e il sorriso per affrontare una patologia???

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *