Rollata di filetto di maiale

Tempo di preparazione:

Il maiale è una carne bianca, considerata ormai magra, che si presta a molte preparazioni. Questa rollata ha la peculiarità di poter essere preparata in anticipo e poi solo riscaldata qualche minuto prima di servirla. Ideale per i celiaci, poiché non ha nessun ingrediente contenente glutine ed anche per gli intolleranti al lattosio, poiché è stato usato un formaggio senza lattosio. Il ripieno può essere variato a proprio gusto, questo proposto è quasi un classico.

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 filetto di maiale aperto in una fetta unica
  • 2 uova
  • 100 g di mortadella senza glutine e senza lattosio
  • fettine di formaggio senza lattosio che fonde
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • vino bianco q.b.
  • brodo vegetale q.b.
  • maizena q.b.

Preparazione:

Sbattete le uova in una terrina e versate in una padella antiaderente grande molto calda e ricavatene una frittatina.

Aprite la fetta di filetto su un tagliere e regolare di sale e pepe. Ricoprite la fetta di carne con la mortadella e sopra, stendete la frittatina. Ora aggiungere anche le fettine di formaggio senza lattosio. Arrotolate ben stretta la rollata e legatela con lo spago da cucina.

Riscaldate bene una casseruola ovale per arrosti antiaderente, adagiarvi sopra la rollata e rigiratela per farla sigillare da tutti i lati. Sfumate con un po’ di vino bianco, aggiungete un mestolo di brodo, coprite e fate cuocere a fiamma bassa rigirando la rollata di tanto in tanto e aggiungendo altro brodo se necessario. Calcolate circa un’ora di cottura per chilo di rollata, quindi prima di cucinarla bisogna pesarla. Quando è cotta estraetela dal fondo di cottura e fatela raffreddare su un tagliere. Al momento di servire addensate leggermente il fondo di cottura con un po’ di maizena per ottenere la salsa. Tagliate la rollata a fette non troppo sottili, adagiare le fette in una pirofila, nappate con abbondante salsa  e riscaldate in forno caldo per circa 5 minuti.

Volendo rollata e salsa possono essere conservate un paio di giorni in frigorifero.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *