Grissini al sesamo

Tempo di preparazione:

I grissini al sesamo sono un prodotto da forno valida alternativa al pane ma da consumare in una dose ridotta di almeno il 20% rispetto alla dose giornaliera di pane.

Questi filoncini di pasta di pane croccanti e di forma allungata, conosciuti in tutto il mondo,  pare che siano stati inventati a Torino nella prima metà del 1600: il loro  nome deriva da “gherssa” un tipico pane piemontese di forma allungata e simile alla baguette.

Dal punto di vista nutrizionale i grissini al sesamo sono  meno calorici rispetto a quelli tradizionali  e contengono  degli acidi grassi di tipo insaturo-polinsaturo importantissimi per combattere il colesterolo alto nel sangue.

Ingredienti:

  • 500 g di farina 0
  • 150 ml di acqua tiepida
  • 15 g di lievito di birra
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 75 gr. di semi di sesamo
  •  olio extravergine d’oliva

Procedimento:

In una ciotolina sciogliete il lievito di birra sbriciolato nell’acqua tiepida, addolcita con un po’ di zucchero.

In un’altra  ciotola versate la farina e i semi di sesamo, amalgamateli bene poi al centro versatevi  l’acqua con il lievito, l’olio e un pizzico di sale facendo attenzione  che non entri in contatto diretto con il lievito.

Lavorate bene l’impasto, per almeno 10 minuti. Quando avrete ottenuto un impasto omogeneo, mettetelo in un ambiente tiepido, coperto con  un panno e lasciatelo lievitare fino a che avrà raddoppiato il suo volume.

Trascorso il tempo di lievitazione stendete con il mattarello la pasta alta  circa 1 cm, poi  su di un piano da lavoro infarinato, e tagliate tante strisce larghe un dito e lunghe circa 20 cm. Stendete ogni striscia  sulla teglia da forno rivestita con l’apposita carta  e spennellatela con un’emulsione di acqua e poco olio evo. Procedete così fino a finire la pasta e mettete la teglia in forno già caldo a  200°, per 15/20 minuti.

Quando sono dorati potete sfornarli e una volta raffreddati conservateli in un sacchetto di stoffa.

 

 

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *