Crostata salata con petto di pollo, bietole e emmenthal

Tempo di preparazione:

Questa Crostata salata con petto di pollo, bietole e emmenthal oltre che ad essere molto semplice e veloce da preparare è anche leggera, gustosa ma nel contempo sostanziosa.

E’ un autentico  piatto unico  che mette insieme farina, carne, uova, latticini e vegetali,  quindi è un modo un po’ diverso per mangiare i carboidrati, le proteine, e le fibre, ma è anche vero che per la sua bontà mette un po’ tutti d’accordo ed è l’ideale sia per un pranzo che per un pic – nic.

Completo dal punto di vista nutrizionale è composto da alimenti adatti anche  alle persone che sono intolleranti al nichel.

Le bietole, forse meno conosciute delle barbabietole che fanno parte della stessa famiglia, sono, in realtà, un ortaggio largamente diffuso nel nostro Paese. Anche se oggi sono consumate in ogni parte del mondo, e coltivate in molti Paesi dal clima temperato, le bietole sono originarie dell’Europa meridionale, Italia, Spagna, Francia e Grecia. Le troviamo in vendita in due diverse qualità: le bietole da costa, o anche coste, e le bietole da foglia, chiamate più comunemente erbette.

Le prime, le coste, le riconoscete dalla foglia, lunga e larga, di un verde scuro; i gambi, o coste, invece, possono essere di diversi colori dal giallo al rosso, ma, in Italia, le troverete più facilmente col gambo bianco che deve essere di un bel colore brillante, altrimenti, non le prendete, perché vuol dire che si stanno già deteriorando. Le bietole da foglia sono, invece, molto simili agli spinaci. I gambi bianchi sono molto più sottili rispetto a quelli delle bietole da costa e le foglie sono di un verde brillante.

Nelle bietole ci sono tutte le vitamine e sali minerali giusti per renderle un alimento salutare: magnesio, potassio, ferro (quest’ultimo in quantità anche superiori rispetto agli spinaci), vitamina A, C e K; ma anche fibre, acqua e beta carotene. Tutte queste sostanze combattano gli effetti dei radicali liberi e rendono, per questo, le bietole, un alimento dall’alto potere antiossidante.

Inoltre, la vitamina K, come alcuni studi hanno dimostrato, ha proprietà che aiutano la coagulazione del sangue, a scongiurare l’osteoporosi, e potrebbe svolgere un ruolo importante nella lotta contro l’Alzheimer. Mentre, la vitamina A, aiuta a rafforzare il sistema immunitario stimolando la produzione di anticorpi e globuli bianchi.

Le bietole possono essere consumate con serenità da chi sta seguendo una dieta dimagrante perché quasi completamente prive di calorie (circa 25 calorie per 100 grammi) e assolutamente senza grassi. Le poche calorie presenti sono dovute ai carboidrati semplici contenuti nel fruttosio. Solo chi ha problemi di ipertensione o soffre di malattie renali dovrebbe starne alla larga in quanto, contengono una notevole dose di acido ossalico, una sostanza simile al calcio, e di sodio.

Dovrebbe fare attenzione al loro consumo anche chi è allergico ai pollini, soprattutto graminacee. È stato dimostrato, infatti, che in molti di questi soggetti, si può sviluppare un’allergia crociata ad alcuni alimenti, tra cui le bietole. Ovviamente, non è detto che chi è allergico alle graminacee sia allergico anche alle bietole, ma se consumandole avvertite prurito al palato o irritazione alle labbra e al cavo orale, andate dal medico per verificare l’ipotesi e farvi consigliare la dieta giusta da seguire.

Via libera in cucina alle bietole per chi non rientra in questi casi. Le bietole si prestano a molte preparazioni, hanno un gusto dolce con, a volte, aromi di terra. Vanno prima di tutto lessate o cotte al vapore e poi cucinate secondo la ricetta che si preferisce. Come per molte altre verdure, durante la cottura a immersione perdono molte delle loro sostanze nutritive. Il consiglio è, dunque, di riutilizzare l’acqua della cottura durante la preparazione. Oppure, utilizzate l’acqua, senza però salarla, per innaffiare, così nutrirete non solo voi ma anche le piante!

Ingredienti per 4 persone:

Per la pasta brisè light:

Per la farcia:

  • 200 gr. di petto di pollo
  • 1 mazzetto di bietole
  • 4 uova
  • 100 gr. di  emmenthal grattugiato delattosato
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
  • sale

Preparazione:

Vedi la preparazione qui. Lavate e tagliate e listarelle le bietole, lessatele, scolatele e strizzatele per eliminare l’acqua di cottura.

Scaldate una griglia e fate cuocere i petti di pollo per circa 4 minuti da ciascun lato.

In una padella antiaderente fate saltare  il petto di pollo grigliato  tagliato a dadini, e le bietole lessate; fate insaporire per qualche minuto poi spegnete la fiamma e fatele raffreddare.

In una ciotola rompete le uova, aggiungete un pizzico di sale, il pollo stemperato con le bietole e l’ emmenthal grattugiato . Amalgamate gli ingredienti e versateli nella pasta stesa in una teglia foderata di carta forno.

Mettete  la crostata  in forno preriscaldato a 180°C fino a quando il composto si sarà rassodato e in superficie si sarà formata una leggera crosticina dorata.

Servitela subito in tavola.

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *