Confettura di melograno, una volta provata non potrai più farne a meno

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle 1 voti, media: 5,00 su 5
Loading...Loading...
  • Porzioni per
    4 vasetti
  • Tempo Totale
    2 Ore
Melograno

Una confettura che ha un’elevata azione antinfiammatoria

La confettura di melograno  si prepara facendo cuocere lentamente  i chicchi di melograno, lo zucchero di canna,  la mela verde e il  succo di limone fino che raggiungono la giusta consistenza e che si conserva a lungo nei barattoli di vetro con la chiusura ermetica.

La sua particolarità è quella di essere una confettura di sola produzione casalinga dato che, nonostante la sua bontà,  non si trova in commercio.

La difficoltà nel prepararla è quella di dover sgranare i frutti, è una operazione che risulta essere un po’ scomoda e fastidiosa; per me il modo più semplice per sgranarla è quello di appoggiare la melagrana su di un tagliere, con un coltello eliminargli la calotta superiore, tagliarla in quattro spicchi  e aprirla come fosse un arancia e così posso togliere facilmente i chicchi.

Ma dopo queste piccole curiosità andiamo a vedere quali sono i principi benefici di questo frutto, tipicamente invernale dal bel colore rosso rubino e dal sapore molto gradevole : fin dai tempi dell’antichità il melograno era conosciuto per le sue proprietà benefiche ed era considerato come simbolo di abbondanza e di fertilità.

Nella melagrana, ovvero il frutto del melograno, una pianta di origine asiatica presente fin dai tempi antichi nell’area del Mediterraneo.

melograno

La presenza di numerosi antiossidanti tra cui i flavonoidi, gli conferiscono proprietà  antinfiammatorie, gastro protettive  e aiutano a mantenere in salute le arterie, il cuore e l’apparato cardiocircolatorio  mentre la presenza dei tannini  aiuta a contrastare  i radicali liberi.

Essendo il melograno ricco di potassio ha una forte azione diuretica e drenante ed essendo naturalmente ricco anche di manganese, zinco, rame e fosforo; vitamine: A, B, C, E e K; acqua, zuccheri e fibre è una autentica manna per il nostro organismo.

Visto le sue benefiche proprietà non aspettiamo di più, andiamo in cucina, mettiamoci all’opera e chiudiamole ermeticamente in un barattolo di vetro così che possiamo beneficiarne tutto l’anno mentre facciamo colazione o merenda…

 

Ingredienti per 4 vasetti

  • q kg melograni (peso già sgranato)
  • 200 gr zucchero di canna
  • 1 mela verde
  • 30 ml succo di limone

Procedimento

Preparazione

  1. Lavate, togliete i torsoli alle mele e tagliatele a pezzetti. Io metto la mela per evitare di usare addensanti chimici come la pectina. Prendete i melograni, tagliateli a metà, poi sgranateli e raccogliete i grani in una pentola di acciaio 18/C, unite le mele precedentemente tagliate a pezzetti, ricoprite con lo zucchero e lasciate macerare per circa 12 ore.

  2. Fate attenzione durante la sgranatura ad eliminare tutte le parti gialle e le bucce intorno ai chicchi perche potrebbero rendere amara la vostra confettura.

    Trascorso questo tempo, unite una tazza di acqua, il succo di limone e fate cuocere per circa mezz'ora a fiamma bassa. Togliete la pentola dal fuoco e frullate il tutto fino quando non otterrete un composto omogeneo. A questo punto rimettete la pentola sul fuoco e fate cuocere ancora per una mezz'oretta mescolando spesso e schiumando di tanto in tanto.
  3. Quando la marmellata ha raggiunto la consistenza che desiderate versatela in barattoli precedentemente sterilizzati.Per sterilizzare i barattoli immergeteli in un pentolone di acqua e lasciateli sul fuoco per circa 20 minuti.

    Chiudete i vasetti ermeticamente e capovolgeteli a testa in giu e lasciateli raffreddare.

    Preparate un'etichetta che riporti la data di preparazione e conservate in un luogo fresco e buio. Una volta aperto il barattolo, va conservato in frigorifero e consumato entro 4/5 settimane.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *